Ambiente Mare Italia festeggia il terzo compleanno

Share

L’associazione si impegna in azioni per tutelare e difendere il nostro pianeta 

L’uomo ha compromesso il delicato equilibrio del nostro Pianeta, immettendo nella natura sostanze inquinanti e nocive senza risparmiare nessun angolo della Terra e del nostro meraviglioso Mare. La perdita di biodiversità contribuisce all’insicurezza alimentare ed energetica, aumenta la vulnerabilità ai disastri naturali, riduce la disponibilità e la qualità delle risorse idriche e impoverisce le tradizioni culturali. In questo contesto è nata 3 anni fa l’associazione Ambiente Mare Italia-Ami, composta da persone che con grande entusiasmo si sono attivate al fine di far conoscere, tutelare e valorizzare l’ambiente e il patrimonio artistico-culturale del nostro Paese. L’intervento ambientale, l’informazione, la formazione e l’educazione ambientale sono gli assi portanti dell’associazione, che negli ultimi tre anni è scesa in campo per il bene del nostro Pianeta. La pandemia non ha fermato le attività che oggi Ami, grazie anche all’impegno dei tanti giovani volontari che la sostengono con il loro contributo, porta avanti.

Progetti

  • ‘LiberAmi dalla plastica’, la prima mappa dell’eco-sostenibilità italiana che raccoglie ogni giorno centinaia di segnalazioni di tutte le iniziative di istituzioni, enti, aziende e privati che hanno scelto di ridurre l’uso della plastica.
  • Giornate no plastic. Ami organizza con i suoi volontari delle giornate di pulizie delle spiagge, dei greti dei fiumi, dei parchi cittadini. Tutti possono iscriversi alle giornate ‘No plastic’ per liberare il nostro Pianeta dalla plastica e dai rifiuti.
  • Educazione ambientale e formazione. Ambiente Mare Italia coinvolge ed educa giovani e adulti al rispetto per gli altri e per l’ambiente che ci circonda, affinché le generazioni future possano avviare quel cambiamento culturale indispensabile per invertire la rotta e migliorare la qualità ambientale dei nostri territori. Da questa consapevolezza è in costruzione la piattaforma European Green Deal Lab, in collaborazione con la Rappresentanza in Italia della Commissione europea, che si propone di informare e formare i nostri giovani ai principi della transizione ecologica.
  • No plastic challenge (Npc). Grazie al contributo della Fondazione Cariplo si realizzerà in Lombardia il ‘No plastic challenge’, una nuova sfida ambientale pensata per coinvolgere la cittadinanza e gli esercenti con le loro filiere per la riduzione delle emissioni nocive e della plastica, per recuperare i rifiuti dispersi nell’ambiente e, non ultimo, per la conoscere, valorizzazione e tutelate il nostro Pianeta.
  • AmiCultura e AmiNatura. Dopo una pausa dettata dal Covid, da settembre si torna, con una fitta programmazione, alla scoperta del patrimonio artistico, archeologico, paesaggistico e naturale del nostro Paese.