Lux Vide, il bilancio 2020 chiude in positivo: il covid non incide sui conti

Share

Lux Vide, società di produzione audiovisiva internazionale leader nel mercato dell’entertainment, chiude il 2020 con un balzo, rispetto all’anno precedente, del 85% dell’utile netto a 10 milioni di euro su ricavi pari a 55 milioni, in salita del 17%. I successi della casa di produzione Lux Vide, fondata da Ettore Bernabei e guidata oggi da Luca e Matilde Bernabei, incidono sul fatturato che nel 2020 raggiunge quota 55 milioni, risultato riconducibile in gran parte ai ricavi generati dalla produzione “Leonardo” che ha registrato complessivamente per la prima serie oltre 6 milioni di spettatori. L’esercizio 2020, pur nella complessità e l’incertezza del contesto, non risente l’effetto pandemia, a testimonianza della resilienza del modello di business di Lux Vide, riflesso in particolare in termini di crescita della redditività operativa. Il controllo totale dell’intera catena di fornitura – dal dipartimento di scrittura, studi di registrazione di proprietà, settore vendita e catena di post-produzione – ha garantito durante l’anno la continuità della programmazione. Lux Vide ha registrato un incremento consistente della marginalità, con un Ebitda di 15milioni superiore all’anno precedente di oltre il 56%. Il valore della produzione chiude a quota 80milioni+25% rispetto al 2019. La crescita più che proporzionale rispetto al fatturato è in parte derivata dall’applicazione del tax credit che ha permesso di registrare maggiori ricavi per 6 milioni di euro rispetto all’esercizio 2019. Dichiara l’AD di Lux Vide Luca Bernabei, nella foto: “Il fatto che il 2020 sia stato il migliore anno nella storia della Lux nonostante la pandemia, il blocco dei set durato quasi 4 mesi e costi Covid, tra diretti e indiretti, di quasi 3 milioni, dimostra la bontà della scelta strategica di strutturarsi per presidiare tutta la catena produttiva e distributiva, dalla fase ideativa fino a quella delle vendite, gestendo tutte le produzioni “in house” nei nostri studi. Nel prossimo futuro la Lux proseguirà su questa strada, costruendo nuovi studi, ampliando il settore della post produzione e investendo su giovani sceneggiatori e internazionalizzazione, con l’obiettivo di rafforzare e consolidare la sua posizione sul mercato”. Lux Vide, unica casa di produzione in Italia con il 40% delle serie in lingua inglese, con oltre mille ore di programmazione in prima serata e un catalogo di oltre 94 titoli, ha registrato nel corso del 2020 50 milioni di ricavi complessivi per serie prodotte principalmente riconducibili a: “Che Dio ci aiuti, sesta stagione”, “Leonardo”, “Buongiorno, Mamma!”, “Un passo dal cielo – I guardiani, sesta stagione” e “Blanca”.