Il Consorzio di Tutela di Bufala Campana festeggia i 40 anni con un occhio alla crescita

Share

“Per il futuro del Consorzio di Tutela di Bufala Campana è necessaria una crescita culturale per allargarne la famiglia e remare tutti nella stessa direzione. Dobbiamo puntare sempre più alla trasparenza per andare in contro alle esigenze dei consumatori”. Così il presidente del Consorzio di Tutela della Mozzarella di Bufala Campana dop, Domenico Raimondo, al convegno per i 40 anni del Consorzio.  “Al ministro Patuanelli- continua – chiediamo più velocità e connessione tra ministero, imprese e allevamenti perché purtroppo la bufala non aspetta la richiesta protocollata, così come non aspettano i mercati”.  Sulla tracciabilità del latte batte Antonio Limone, presidente dell’istituto Zooprofilattico di Portici, dato “che è stata fondamentale per la Mozzarella Dop, perché ha permesso di stabilizzare il prezzo del latte, evitando inoltre che arrivasse latte di origine incerta che ne abbassasse ulteriormente il prezzo con danni agli allevatori”. Dell’importanza di  preservare la qualità e l’unicità di questo prodotto parla la vice presidente del Consiglio Regionale della Campania, Valeria Ciarambino.  “La nostra terra è ricca di eccellenze che ci fanno grandi nel mondo e va tutelata e ulteriormente valorizzata – dice – preservare questo prodotto non vuol dire solo eccellenza alimentare, ma anche turismo enogastronomico e mercati esteri. La Mozzarella è un’occasione per far crescere la Campania e la nostra economia. Come rappresentante del Consiglio regionale iintendo lavorare facendo rete coi nostri produttori e col Governo nazionale”.