Crollano i crimini nelle città

Share

Barcellona, Chicago, San Paolo, Tel Aviv, Brisbane e Londra. Queste, così come altre grandi aree metropolitane nel mondo hanno registrato una riduzione della criminalità urbana nel periodo di pandemia causata dal coronavirus. A rivelarlo un team di ricercatori dell’Università di Cambridge e dell’Università di Utrecht che hanno esaminato i dati e le segnalazioni quotidiane di furti, aggressioni e omicidi, prima e durante l’attuazione delle restrizioni Covid-19. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista Nature Human Behaviour. Nonostante la tipologia e il livello di severità di blocchi e restrizioni variassero da città a città, i ricercatori hanno scoperto che la maggior parte dei tipi di criminalità – con l’eccezione dell’omicidio – è diminuita significativamente. Nelle 27 città considerate, le aggressioni giornaliere sono diminuite in media del 35 per cento e le rapine si sono quasi dimezzate: in media il 46 per cento. Altri tipi di furto, dal borseggio al taccheggio, sono diminuiti in media del 47 per cento. “La vita in città è stata drasticamente ridotta dal COVID-19 e il crimine è una parte importante della vita cittadina”, ha affermato Manuel Eisner, direttore del Centro di ricerca sulla violenza dell’Università di Cambridge e autore dello studio. Il calo della criminalità connesso alla restrizioni per Covid-19 segue una linea che tende ad acuirsi ma con durata breve, con un calo massimo che si verifica tra le due e le cinque settimane, seguito da un graduale ritorno ai livelli precedenti. Nel complesso, il team ha scoperto che restrizioni più severe hanno portato a un maggiore calo della criminalità, sebbene anche le città con raccomandazioni volontarie come Malmo e Stoccolma in Svezia, abbiano registrato un calo. I furti di veicoli sono diminuiti in media del 39 per cento, nonostante le restrizioni più severe sull’uso di autobus e treni. Anche i furti con scasso sono diminuiti in media del 28 per cento in tutte le città ma in modo disomogeneo: mentre Lima in Perù ha visto la percentuale crollare dell’84 per cento, San Francisco ha registrato un aumento del 38 per cento. L’unico dato in controtendenza è il crimine per omicidio: solo il 14% in meno, in media, in tutte le città dello studio. La dottoressa Amy Nivette dell’Università di Utrecht, la prima firmataria della ricerca, ha dichiarato: “In molte società, una percentuale significativa di omicidi viene commessa in casa. Le restrizioni alla mobilità urbana possono avere scarso effetto sugli omicidi domestici. “Inoltre, la criminalità organizzata – come le bande di trafficanti di droga – è responsabile di una percentuale alta di omicidi. È probabile che il comportamento di queste bande sia meno sensibile ai cambiamenti imposti da un blocco”, ha affermato Nivette. Tuttavia, tre città in cui il crimine è all’ordine del giorno, tutte in Sud America, hanno visto forti cali di omicidi quotidiani grazie alle politiche per il Covid-19. A Rio de Janeiro, in Brasile, gli omicidi sono diminuiti del 24 per cento. A Cali, in Colombia, il calo è stato del 29 per cento e a Lima, in Perù, è crollato del 76 per cento. “La pandemia è stata devastante, – concludono i ricercatori –  ma ha offerto un’opportunità per comprendere meglio i processi sociali, compresi quelli responsabili della criminalità in tutto il mondo”.