Webuild, informazioni aggiuntive relative ai primi 3 mesi 2021

Share

 Il Consiglio di Amministrazione di Webuild (MTA: WBD) ha esaminato alcuni dati e informazioni relativi all’andamento del business da inizio 2021.

I risultati dell’attività commerciale di Webuild, nel primo trimestre 2021, riflettono gli effetti positivi del rafforzamento del Gruppo, ottenuto anche grazie all’integrazione con Astaldi, e dei segnali di ripresa del settore delle infrastrutture in Italia. Il Paese, facendo leva anche sulle risorse previste nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) e sulla necessità condivisa a livello governativo di accelerare la realizzazione di opere strategiche, sta infatti programmando nuovi investimenti in infrastrutture per circa €62 miliardi, di cui €42 miliardi di interventi per una mobilità sostenibile e €3,2 miliardi di investimenti nel settore idrico, entrambe aree in cui il Gruppo è ben posizionato.  

Oltre all’Italia, Webuild sta seguendo anche opportunità in altri mercati chiave come gli Stati Uniti, l’Europa e l’Australia, dove sono in programma nuovi investimenti nel settore delle infrastrutture, in ottica di una ripresa economica post pandemia.

“Siamo molto soddisfatti per il livello di ordini acquisiti in questi primi mesi del 2021, e lo siamo ancor di più di poter contribuire alla realizzazione di progetti che supportino il rilancio infrastrutturale ed occupazionale in Italia, in una fase di ripresa economica in cui crediamo molto – ha dichiarato l’Amministratore Delegato di Webuild, Pietro Salini, nella foto – La nostra presenza nel Paese si è rafforzata grazie all’integrazione di Astaldi, ma puntiamo a crescere sempre di più, in linea con le esperienze dei nostri competitor internazionali nei propri paesi d’origine. Gli investimenti in infrastrutture rappresentano un grande traino con funzione anticiclica in un periodo di emergenza in Italia e nel mondo, una risposta da dare subito alla crisi economica post-Covid. Per costruire un futuro sostenibile nel lungo termine, stiamo rafforzando anche le nostre attività in ambito di progettazione, con tutta la filiera. Allo stesso modo stiamo guardando anche a settori limitrofi alla costruzione, come la manutenzione, che rappresenta un’altra area di business con grandi opportunità non solo in Italia ma anche negli altri paesi in cui operiamo, a partire dagli Stati Uniti. Stiamo rafforzando il nostro impegno in termini di sostenibilità ed innovazione per mettere al servizio dei nostri clienti un bagaglio di competenze e di soluzioni innovative che possano permettere loro di sviluppare le migliori opere infrastrutturali, contribuendo al raggiungimento dei Sustainable Development Goals delle Nazioni Unite (SDG)”.

NUOVI ORDINI

Il totale dei nuovi ordini acquisiti ed in corso di finalizzazione da inizio annoincludendo i progetti per i quali Webuild è risultata migliore offerente, ammonta a circa €2,6 miliardi, tra cui si evidenziano:

  • Linea ferroviaria ad alta capacità Messina-Catania: progettazione ed esecuzione dei lavori di raddoppio della tratta ferroviaria tra Taormina e Giampilieri (2° lotto funzionale della linea ferroviaria Messina-Catania), del valore di €1,003 miliardi. Il progetto, commissionato da Rete Ferroviaria Italiana – RFI (Gruppo FS Italiane), sarà realizzato dal Gruppo Webuild, capofila del consorzio con una quota del 70%, insieme a Pizzarotti (30%). Un nuovo progetto in Sicilia per il Gruppo Webuild, che contribuisce così allo sviluppo infrastrutturale e della mobilità sostenibile dell’isola e alla creazione di nuovo lavoro anche per la filiera locale.
  • Linea ferroviaria ad alta capacità Fortezza-Ponte Gardena: progettazione e realizzazione della tratta di nuova linea ad alta capacità di circa 22,5 km in prosecuzione della galleria di base del Brennero, tra Fortezza e Ponte Gardena, per un valore di €1,07 miliardi. Il progetto, commissionato da RFI e che vede il Gruppo Webuild capofila al 51% del consorzio con Implenia, aggiudicato come miglior offerente, prevede l’ottimizzazione del collegamento ferroviario Monaco-Verona, adottando standard progettuali che superino i limiti di prestazione e di velocità della linea esistente.
  • Kansas Citys Levees Flood Risk Management Project: Lane Construction, controllata statunitense del Gruppo Webuild, si è aggiudicata il contratto assegnato dallo U.S. Army Corps of Engineers del valore di $258 milioni. Il progetto di sostenibilità ambientale permetterà di evitare inondazioni o superamenti degli argini nel cuore dei distretti industriali e commerciali di Kansas City, contribuendo a salvaguardare circa 27.000 residenti e lavoratori e infrastrutture del valore complessivo di oltre 10 miliardi di dollari, inclusa una delle più grandi reti di scali ferroviari degli Stati Uniti. I lavori, con inizio nel giugno del 2021, dovranno essere completati nel 2026.
  • Tratte B2 e C della Pedemontana Lombarda – Il Gruppo Webuild, in consorzio con Pizzarotti, è stato dichiarato miglior offerente per il contratto del valore di €1,26 miliardi circa per la progettazione esecutiva e la costruzione delle tratte B2 (di 12,7 chilometri da Lentate sul Seveso a Cesano Maderno) e C (di 20 chilometri da Cesano Maderno alla tangenziale est di Milano A51) dell’Autostrada Pedemontana Lombarda. Il Gruppo Webuild è a capo del consorzio con Pizzarotti con una quota del 70%. Il progetto, commissionato da Autostrada Pedemontana Lombarda S.p.A., dovrà essere completato in vista delle Olimpiadi invernali di Milano-Cortina del 2026.
  • Secondo tubo San Gottardo – lotto 243 – Il progetto, commissionato dall’Ufficio Federale delle Strade (USTRA) prevede la realizzazione di vari scavi a servizio della galleria principale, del valore di circa 80 milioni di euro. Il progetto per la realizzazione del cunicolo Nord del Tunnel Autostradale del San Gottardo, una galleria d’accesso lunga 4 km per il Secondo tubo del San Gottardo. A realizzare i lavori, che contribuiranno a sviluppare la mobilità sostenibile nel cuore delle Alpi, insieme a Webuild e alla sua controllata svizzera CSC Costruzioni SA (con una quota del 40%) saranno presenti nel consorzio Implenia (40%) e Frutiger (20%).

Con l’acquisizione di questi progetti incrementa il peso, all’interno del portafoglio ordini del Gruppo, dei progetti orientati al climate action e che consentono di ridurre le emissioni di gas serra. Ciò a conferma della strategia di business sempre più orientata alla sostenibilità non solo economico-finanziaria, ma anche sociale e ambientale.  

****

PIPELINE COMMERCIALE

La pipeline complessiva delle attività commerciali del Gruppo è superiore a €35 miliardi ed include gare presentate ed in attesa di aggiudicazione per circa €10 miliardi, concentrate in geografie quali Italia, altri paesi dell’Europa Occidentale e Australia. Si prevede la partecipazione a gare per oltre €13 miliardi entro la fine dell’anno. In base al buon livello di nuovi ordini acquisiti nei primi mesi dell’anno e delle tempistiche di aggiudicazione attese per alcune gare in pipeline, per il 2021, si conferma il buon posizionamento per il raggiungimento di un book to bill target superiore a 1x.

Di seguito la ripartizione per categoria e per area geografica della pipeline commerciale complessiva del Gruppo.

Circa l’80% della pipeline commerciale prevista attiene alle regioni a minor rischio come Nord America, Europa, incluso l’Italia, e Australia. Le iniziative sono focalizzate su progetti infrastrutturali sostenibili, in particolare in segmenti legati alla mobilità sostenibile, quali ferrovie, strade e autostrade, Clean Hydro Energy e Clean Water.

Il focus di Webuild su tali tipologie di progetti si innesta in un contesto favorevole, in cui numerose amministrazioni nazionali hanno lanciato piani di investimento pluriennali con forte focus al rilancio delle infrastrutture sostenibili.

In Italia, il Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, facendo leva anche sulle risorse previste nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) nell’ambito del programma NextGenerationEU, ha presentato un piano complessivo di investimenti per circa €62 miliardi. Nello specifico, €42 miliardi sono destinati a realizzare investimenti per una mobilità sostenibile, volti allo sviluppo delle linee ad alta velocità e alta capacità rete ferroviari e al potenziamento delle reti regionali, e €3,2 miliardi ad investimenti nel settore idrico. Il PNRR prevede inoltre l’introduzione di una serie di riforme urgenti e nuove norme volte a semplificare l’attuale contesto legislativo in materia di contratti pubblici, che verranno elaborate nel corso del 2021.

Infine, con l’obiettivo di accorciare i tempi di realizzazione, nel mese di aprile 2021 sono stati nominati 29 commissari straordinari per gestire 57 opere pubbliche strategiche per il Paese, da tempo bloccate a causa di ritardi legati alle fasi progettuali ed esecutive oltre alla complessità delle procedure amministrative, per un valore complessivo di circa €83 miliardi.

Negli Stati Uniti, l’amministrazione Biden ha proposto un maxi piano di investimenti (“American Jobs Plan”) per $2,3 trilioni, dei quali circa $621 miliardi di spesa sono destinati al trasporto. In particolare, sono previsti $115 miliardi di investimenti su strade, ponti e autostrade, $80 miliardi per le ferrovie e $111 miliardi su Clean Drinking Water da realizzare nei prossimi 8 anni. Webuild Group, che attraverso la controllata americana Lane genera il 28% dei suoi ricavi negli Stati Uniti, è pronto a cogliere le nuove opportunità offerte dal piano Biden.

****

INTEGRAZIONE PROGETTO ASTALDI

In sede Assembleare, lo scorso 30 aprile 2021, è stato approvato il progetto di scissione parziale proporzionale di Astaldi S.p.A. in favore di Webuild S.p.A.. L’operazione costituisce un passaggio fondamentale dell’attuazione del “Progetto Italia” e porta a compimento il percorso di integrazione delle attività di Astaldi all’interno di Webuild.

L’efficacia della scissione è sospensivamente condizionata: i) all’emissione del provvedimento del Tribunale di Roma di avvenuta esecuzione del Concordato, atteso entro il mese di luglio 2021, ii) al rilascio dei necessari consensi da parte degli istituti finanziatori di Webuild e di Astaldi ai sensi dei rispettivi contratti di finanziamento e iii) alla sottoscrizione da parte di una costituenda fondazione dell’aumento di capitale della Società Scissa ad essa riservato.

Fermo quanto precede, la data di efficacia della scissione, a fini civilistici, contabili e fiscali, coinciderà con il primo giorno del mese successivo alla data delle iscrizioni dell’atto di scissione presso il Registro delle Imprese, che si stima possa intervenire entro la fine del mese di luglio; nel qual caso la scissione acquisterebbe efficacia il 1° agosto 2021.

****

OUTLOOK 2021

Confermata, sulla base del corrente perimetro del Gruppo, la Guidance finanziaria per il 2021:

  • Crescita dei Ricavi: €6,5 – 7,2 miliardi, coperta interamente dall’attuale backlog;
  • Recupero dell’EBITDA margin a ca. 8%, supportato dal processo di efficientamento dei costi già in atto;
  • Indebitamento Finanziario Netto: €0,5 – 0,3 miliardi.

Questi obiettivi potranno essere suscettibili a cambiamenti legati all’andamento imprevedibile di un ulteriore possibile sviluppo della pandemia COVID-19.