Terna, intesa con la comunità montana di Valle Camonica sul progetto di riassetto della rete elettrica

Share

È stata raggiunta l’intesa tra Terna (nella foto, l’a. d. Stefano Donnarumma) e la Comunità Montana di Valle Camonica sull’intervento di razionalizzazione della rete elettrica della Media e Bassa Valle Camonica. La proposta, elaborata da Terna e presentata nel corso di una videoconferenza, prevede, nell’area che da Cedegolo arriva fino a Pian Camuno, lo smantellamento di 220 tralicci per 48 km di linee aree a 132 kV e interramenti di linee elettriche per circa 9 km. Gli interventi consentiranno di liberare circa 120 ettari di territorio oggi attraversato da vecchi elettrodotti.

Il progetto, per cui la Società investirà 30 milioni di euro, interesserà quindici Comuni e in particolare i territori di Esine, dove saranno interrate tre linee elettriche, e di Breno, dove è previsto l’interramento di due linee elettriche dalla zona nord, nei pressi della Tassara, sino alla collina del Cerreto passando per l’area densamente abitata del villaggio Pedersoli. Il piano di razionalizzazione va a completare quanto già realizzato da Terna nell’Alta Valle Camonica dove negli scorsi anni sono stati demoliti circa 90 Km di elettrodotti aerei e realizzati circa 80 Km di interramenti.

L’accordo è frutto del dialogo aperto e costruttivo tra Terna e la Comunità Montana che ha portato in breve tempo ad elaborare un progetto condiviso che consentirà di coniugare maggiore efficienza e sostenibilità della rete elettrica dell’area con evidenti benefici ambientali per tutto il territorio. È prevista, prossimamente, la stipula di un Protocollo d’Intesa che consentirà di avviare la progettazione definitiva per l’avvio dell’iter autorizzativo.

Nell’ambito del Piano Industriale 2021-2025 “Driving Energy”, nel prossimo quinquennio Terna investirà in Lombardia oltre 520 milioni di euro – su 8,9 miliardi a livello nazionale – per lo sviluppo e la resilienza della rete elettrica regionale in funzione della transizione energetica di cui l’azienda è protagonista. Un impegno che mette la Lombardia al primo posto con circa il 30% degli investimenti complessivi previsti da Terna nel Nord Italia. Dell’investimento complessivo, circa 260 milioni di euro sono destinati a interventi per ammodernamento degli asset esistenti.