Snam, risultati dell’offerta in opzione e prelazione delle azioni oggetto di recesso

Share

 Snam (nella foto, l’a. d. Marco Alverà) rende noto che il 7 aprile 2021 si è concluso il periodo di adesione all’offerta in opzione e prelazione ai sensi dell’articolo 2437- quater, comma secondo, del codice civile (l'”Offerta”) rivolta agli azionisti che non hanno esercitato, in tutto o in parte, il diritto di recesso conseguente alla modifica dell’oggetto sociale approvata dall’Assemblea straordinaria degli Azionisti il 2 febbraio 2021, nonché ai titolari del prestito obbligazionario convertibile emesso da Snam denominato ” €400,000,000 Equity-Linked Bonds due 2022” quotato sul Third Market of the Vienna Stock Exchange (le “Obbligazioni Convertibili”), per l’acquisto delle azioni recedute al prezzo unitario di Euro 4,463 (il “Valore di Liquidazione”).

Come comunicato in data 8 marzo 2021, il diritto di recesso è stato esercitato per n. 11.047.475 azioni di Snam, rappresentative dello 0,329% del capitale sociale.

L’Offerta si è svolta in conformità ai termini e alle condizioni indicati nell’avviso agli azionisti e ai titolari delle Obbligazioni Convertibili pubblicato sul sito internet di Snam in data 8 marzo 2021, nonché sui alcuni quotidiani finanziari

Si comunica che, nell’ambito dell’Offerta, sono stati esercitati diritti di opzione per n. 2.663.773 azioni recedute e diritti di prelazione per n. 26.344.566 azioni recedute. Con riferimento ai diritti di prelazione, poiché il numero delle azioni recedute richiesto è risultato superiore al quantitativo di azioni recedute rimaste inoptate all’esito dell’offerta in opzione (pari a n. 8.383.702 azioni recedute), si è proceduto al riparto delle n. 8.383.702 azioni recedute rimaste inoptate tra tutti i richiedenti in proporzione al numero di opzioni da ciascuno di essi possedute, con arrotondamento per difetto all’unità inferiore e procedendo successivamente all’a ssegnazione delle azioni recedute rimanenti sulla base del criterio del maggior resto. Pertanto, tutte le azioni recedute risultano acquistate sia per effetto dell’esercizio dei diritti di opzione sia per effetto dell’esercizio dei diritti di prelazione, ai sensi dei commi secondo e terzo dell’art. 2437- quater del codice civile. 

Il regolamento delle azioni recedute acquistate a seguito dell’esercizio del diritto di opzione e di prelazione (e, quindi, il trasferimento delle azioni recedute a fronte del pagamento del Valore di Liquidazione) avverrà in data 15 aprile 2021 attraverso il sistema Monte Titoli per il tramite degli intermediari depositari, senza necessità di alcun adempimento da parte degli azionisti che abbiano esercitato il diritto di recesso, nonché degli azionisti e dei titolari delle Obbligazioni Convertibili che abbiano esercitato il diritto di opzione e prelazione (purché abbiano preventivamente messo a disposizione del proprio intermediario i fondi necessari per il pagamento del prezzo delle azioni acquistate nell’esercizio dei diritti di opzione e prelazione).