Lavazza, nasce la “Roadmap to Zero”

Share

Lavazza lancia la “Roadmap to Zero” che porterà il Gruppo alla completa neutralizzazione del proprio impatto carbonico entro il 2030, con un investimento, solo per il biennio 2020-2021, di circa 50 milioni di euro. Per il piano, presentato, oggi, nel corso di un incontro con l’ad Antonio Baravalle, nella foto, sono previste tre linee di azione: monitoraggio e quantificazione delle emissioni; continui processi di efficientamento e riduzione degli impatti; compensazione delle emissioni residue e non riducibili. A fine 2020 è già stato raggiunto dal Gruppo torinese l’azzeramento dell’impatto delle emissioni di Co2 dirette generate da tutte le attività dell’azienda, come stabilimenti produttivi, uffici, flagship store, veicoli aziendali, e delle emissioni indirette generate da elettricità, calore e vapore acquistati e consumati.
Entro il 2030 si andranno, quindi, a compensare le emissioni indirette lungo tutta la catena di approvvigionamento, a monte e a valle delle operazioni del Gruppo: dal caffè verde al packaging, dalla logistica allo smaltimento.
Una delle tappe intermedie sarà raggiunta, è stato spiegato, grazie alla “Roadmap del Packaging Sostenibile”, un piano strategico che si propone, entro il 2025, di rendere l’intero portfolio packaging riutilizzabile, riciclabile o compostabile.