Alibaba, maxi multa in vista. Il governo di Pechino non molla la presa sul colosso cinese dell’e-commerce

Share

Il gruppo del miliardario Jack Ma potrebbe dover pagare oltre 800 milioni di euro per pratiche monopolistiche. Si dimette Simon Hu, numero uno di Ant, fintech controllata da Alibaba

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è alibaba.jpg

Guai e ancora guai per Alibaba, il colosso dell’e-commerce cinese entrato in rotta di collisione con il governo di Pechino. Secondo quanto anticipato dal Wall Street Journal il gruppo di Jack Ma, uomo più ricco del paese, potrebbe ricevere a breve una multa da quasi un miliardo di euro (oltre 800 milioni di euro) per pratiche anticoncorrenziali come risultato delle indagini per sospette pratiche monopolistiche. Il portale Alibaba gestisce da solo un quinto di tutte le vendite cinesi. Oggi è inoltre arrivata la notizia delle dimissioni di Simon Hu dalla carica di amministratore delegato di Ant group, il braccio finanziario di Alibaba, specializzato nell’erogazioni di credito al consumo on line. Lo scorso gennaio aveva lasciato il responsabile della divisione assicurativa Yan Ming.

Simon Hu ha affermato di voler lasciare “per motivi personali”. Nel 2020 la società avrebbe dovuto essere quotata sulla borsa di Hong Kong ma l’operazione è saltata per volontà del governo cinese. Alla fine dello scorso ottobre, con le azioni della società sui massimi storici, Jack Ma aveva definito il sistema bancario cinese, che è in larga parte sotto controllo statale, “gestito come se fosse un banco dei pegni”. Da quel momento i titoli Alibaba hanno perso in borsa circa il 16% .


Ilfattoquotidiano.it