Torna a Lanciano la fiera “Abitare Oggi”, partecipano 70 aziende

Share

Sono circa 70 le aziende che hanno dato la loro adesione alla 31^ edizione di Abitare Oggi, Fiera dell’Edilizia e dell’Architettura, in rappresentanza di oltre 100 marchi provenienti da diverse regioni italiane. Segno, questo, del ruolo che questa Rassegna ha consolidato in tutti questi anni, interpretando le esigenze e le richieste di un mercato in continua evoluzione. La sostenibilità, la tutela dei territori e dell’ambiente, la sicurezza sono gli aspetti che caratterizzano questa edizione come ha sottolineato il Presidente di Lancianofiera Franco Ferrante in conferenza stampa. “Tra le novità spicca lo spazio dedicato all’utilizzo di materiali alternativi. C’è anche un’azienda che arriva da Bari e si occupa di progettare gli interni adeguati a chi ha problemi di disabilità. I convegni e i seminari in programma, organizzati con gli ordini professionali di Ingegneri, Architetti, Geometri e Avvocati sono veri e propri laboratori di studio che offrono approfondimenti e informazioni in materia di costruzioni e fiscale. Nulla è stato trascurato. Questa Fiera continua a mettere al centro l’uomo e la qualità della vita, perciò l’attenzione alla sicurezza, al patrimonio ambientale, con la presenza della Sasi e di Ecolan. Ma non abbiamo dimenticato il bello e l’arte. Ci sarà una Collettiva di opere di 10 artisti curata dall’Università Europea del design con cui collaboriamo grazie a Tommaso Di Francescantonio, da 25 anni”, ha concluso Ferrante. Parole di apprezzamente per il lavoro portato avanti dal Presidente sono arrivate dal vice Sindaco e Assessore ai Lavori Pubblici Giacinto Verna che ha ribadito l’importanza di progettare e costruire con materiali che assicurano stabilità e sicurezza. “I lavori che abbiamo eseguito in una scuola dell’infanzia vanno proprio in questa direzione – ha tenuto a precisare Verna – e anche gli altri interventi in programma tengono conto della sostenibilità e delle peculiarità del territorio che va sempre tutelato”. Il Direttore regionale Bper Banca Abruzzo e Molise Giuseppe Marco Litta ha partecipato per la prima volta alla tradizionale presentazione alla stampa di una Fiera e ha commentato positivamente gli aspetti più significativi di Abitare Oggi. “Una Fiera che guarda al futuro, all’ambiente, alla sicurezza dà lustro al territorio. La Bper ha il piacere di essere portatrice di questi valori e di queste iniziative. La Fiera è l’incontro tra la domanda e l’offerta, rappresenta una grande risorsa in termini economici e di conoscenza”. “Partecipare alla Fiera significa far parte del territorio – ha aggiunto il Presidente Ferrante – e ringrazio la Bper che non ha fatto mai mancare la sua vicinanza anche nei momenti difficili”. Si sta rivelando costruttiva la rinnovata collaborazione con la Camera di Commercio Chieti-Pescara, rappresentata questa mattina dal vice Presidente Lido Legnini: “Questi eventi contengono sempre i temi giusti, il recuperato rapporto con Lancianofiera sta dando risultati positivi, l’obiettivo della Camera di Commercio è quello di valorizzare l’economia e quindi le aziende del territorio che in fiera trovano la giusta collocazione. Credo nell’efficacia della sinergia, e sono convinto che solo con una concreta e condivisa collaborazione si possa raggiungere risultati importanti”. All’incontro di questa mattina è stato presente l’Assessore regionale all’Ambiente Nicola Campitelli, particolarmente legato a questa rassegna che lo vede in duplice veste, di assessore e architetto. “Non si festeggiano 31 edizioni se non si è lavorato bene – ha esordito Campitelli – come Regione siamo vicini al Polo fieristico di Lanciano che rappresenta una risorsa economica, ma anche culturale perchè offre l’occasione di conoscere e informarsi correttamente su questioni di notevole rilievo e sempre attuali. La sostenibilità ambientale è fondamentalee sono diversi i progetti ai quai stiamo lavorando che utilizzano materiali alternativi e che puntano a garantire la sicurezza. Credo nell’importanza di rendere partecipi anche i cittadini di questi cambiamenti, a cominciare dai più piccoli. Noi abbiamo ospitato gruppi di ragazzi ai quali abbiamo mostrato cosa significa e come si fa a costruire un edificio sicuro. Dobbiamo guardare a uno sviluppo che tuteli ambiente e territorio ed è necessario lavorare a una nuova legge urbanistica, l’ultima risale al 1983”.

Share
Share