Ultime sul coronavirus. Secondo uno studio, il remdesivir riduce i tempi di recupero

Share

Il farmaco antivirale remdesivir, sviluppato da Gilead in origine contro Ebola, riduce i tempi di recupero per i malati Covid, mediamente di 5 giorni, e riduce la mortalità nei casi più gravi. Sono i risultati di un studio di fase III del National Institute of Allergy and Infectious Diseases (NIAID), pubblicato oggi sul The New England Journal of Medicine. I risultati finali dello studio dimostrano che, rispetto al placebo, nei pazienti con COVID-19 il trattamento con remdesivir ha prodotto miglioramenti continuativi e clinicamente significativi su diversi parametri di valutazione. I dati dimostrano inoltre che il trattamento con remdesivir ha determinato un tempo di recupero più rapido rispetto a quanto già comunicato in precedenza. Dopo 29 giorni, i pazienti che avevano ricevuto remdesivir hanno ottenuto il recupero clinico cinque giorni prima rispetto a quelli che avevano ricevuto il placebo, con un tempo mediano di recupero di 10 giorni con remdesivir e di 15 giorni con placebo e con un aumento del tasso di recupero del 29% rispetto al placebo. Questo risultato è stato più pronunciato nei pazienti che richiedevano il supporto con ossigeno al basale: in questo gruppo, i pazienti che avevano ricevuto remdesivir hanno ottenuto il recupero clinico sette giorni prima rispetto a quelli che avevano ricevuto placebo, con un tempo mediano di recupero di 11 giorni con remdesivir e di 18 giorni con il placebo. Inoltre i pazienti trattati con remdesivir hanno avuto il 50% di probabilità in più di migliorare entro il giorno 15 rispetto a quelli che avevano ricevuto il placebo, e l’effetto è stato mantenuto fino al giorno 29. Il beneficio di remdesivir è stato maggiore quando il farmaco è stato somministrato entro 10 giorni dall’insorgenza dei sintomi, sebbene un beneficio sia stato osservato anche nella maggior parte degli intervalli di durata dei sintomi. Nella popolazione complessiva dello studio si è verificata anche una tendenza verso una riduzione della mortalità: i pazienti che necessitavano di ossigenoterapia a basso flusso al basale e che avevano ricevuto remdesivir hanno ottenuto una riduzione statisticamente significativa del 72% della mortalità al giorno 15 e una riduzione del 70% al giorno 29. La differenza di mortalità in altri sottogruppi sulla base dello stato clinico al basale non è stata statisticamente significativa. “I risultati dello studio ACTT-1 dimostrano che, nei pazienti ospedalizzati con polmonite da COVID-19, remdesivir è il primo farmaco antivirale a essere significativamente associato a un tempo di recupero più breve – cinque giorni prima per tutti i pazienti e sette giorni prima per i pazienti più gravi – e al contempo a una minore progressione verso la ventilazione meccanica”, ha affermato Andre Kalil, MD, MPH, Professore di Medicina Interna, Divisione di Malattie Infettive, Direttore del Programma di Malattie Infettive da Trapianto presso il Centro Medico dell’Università del Nebraska principal investigator dello studio ACTT-1. “In base all’esperienza clinica, abbiamo osservato che la risposta del paziente e il rischio di mortalità differiscono in tutto lo spettro della malattia. Grazie a questa analisi post-hoc della mortalità per sottogruppi, i dati di cui disponiamo ora suggeriscono che somministrare remdesivir a pazienti in ossigenoterapia può ridurre in modo significativo le probabilità di morte rispetto ad altri sottogruppi. Questi dati forniscono ai medici informazioni importanti, che li aiutano a ottimizzare l’approccio terapeutico al paziente”.