Caso Suarez, parla Cantone: farò attenzione che l’indagine si svolga con la massima riservatezza

Share

 “Sarebbe una contraddizione se dopo tutto quello che ho detto, ora rispondessi sull’attività che intendiamo fare. L’unica cosa che mi sento di dire è che farò grande attenzione, anche in futuro, che l’attività si svolga con la massima riservatezza. Non posso dire altro”. Così il procuratore capo di Perugia, Raffaele Cantone, ha risposto a una domanda a proposito del vertice in procura, con i sostituti e la Guardia di Finanza, che si sarebbe tenuto oggi per riprogrammare le indagini sul presunto esame ‘farsa’ del calciatore Luis Suarez all’Università per Stranieri di Perugia. Lo ha fatto a margine della presentazione del suo libro “Corruzione e anticorruzione: dieci lezioni” scritto con il professor Enrico Carloni, a palazzo Trinci a Foligno.  A proposito della sua scelta di bloccare in quel momento le indagini, ha puntualizzato: “Secondo me era diventata eccessiva la pressione mediatica e la fuga di notizie su quello che stava avvenendo. Io credo che questa sia un’indagine seria, che necessita di essere svolta con la massima riservatezza”. E ancora: “Non credo che la fuga di notizie possa mettere in cattiva luce la Juventus come società, noi stiamo facendo accertamenti su fatti di rilevanza penale”.