Aruba e Lenovo per spingere l’acceleratore della Ducati

Share

E’ una tecnologia tutta aretina quella che ha permesso ad un colosso come Ducati di mantenere l’operatività del proprio business anche nel corso dell’emergenza e dopo. Grazie ad Aruba, infatti, società toscana fondata nel 1994, prima in Italia per i servizi IT di data center, web hosting, e-mail, pec e registrazione domini, Ducati ha potuto rinnovare completamente l’approccio tecnologico al cloud e dare il via ad una nuova concezione di data center, caratterizzata dalla massima personalizzazione. In campo, anche un altro attore di primo piano nel settore, Lenovo, che ha lavorato fianco a fianco nell’implementazione di questa infrastruttura ultra moderna.La scelta si è rivelata vincente soprattutto in un periodo di incertezza quale quello appena vissuto, in cui anche la quotidianità di un’azienda come Ducati Motor Holding è stata completamente stravolta. Basti pensare che nell’attuale situazione la maggior parte del personale è in smart working (e quindi è cresciuta la necessità di erogare i servizi tra sede centrale e sito remoto in modo da evitare problemi con la configurazione architetturale preesistente). Il design dell’infrastruttura ha permesso a Ducati di “trasformarsi” da un’azienda desk centrica in un’azienda mobile first in pochi giorni mantenendo operatività e performance. “Tra le tecnologie che il Covid-19 ha spinto maggiormente, il cloud è senza dubbio tra le principali che hanno permesso di fronteggiare meglio la crisi. Da un’indagine interna emerge infatti che il 59% di quanti hanno potuto disporre di soluzioni cloud nel corso dell’emergenza ha ritenuto il suo utilizzo fondamentale – commenta Giorgio Girelli, general manager di Aruba Enterprise – La condivisione e l’unione delle più recenti tecnologie di tre aziende come le nostre, leader in settori distinti e specifici, ha dato vita ad un progetto molto innovativo frutto delle diverse esperienze messe in campo con l’obiettivo comune di ottenere le massime prestazioni”.