Terna, 1,5 miliardi di euro per la rete elettrica del Veneto

Share

 Al via da parte di Terna (nella foto, l’a. d. Stefano Donnarumma) il procedimento di autorizzazione per la razionalizzazione della rete elettrica tra Malcontenta e Fusina, nel Veneziano. Si tratta di un investimento da 190 milioni di euro destinati ad aumentare l’efficienza del servizio elettrico dell’area e che si inserisce in un piano di Sviluppo che in Veneto vale 1,5 miliardi di euro. L’investimento relativo alla razionalizzazione della rete elettrica tra Malcontenta e Fusina, del valore di circa 190 milioni di euro, prevede lo sviluppo e il riassetto degli elettrodotti a 132, 220 e 380 kV nel tratto compreso dalla Centrale termoelettrica Enel Palladio di Fusina fino a ovest della Strada Statale Romea. Le attività in programma comprendono la realizzazione di un nuovo collegamento a 380 kV dalla Centrale di Fusina alla Stazione Elettrica Fusina 2, l’interramento di 24 Km di linee elettriche con conseguente eliminazione di oltre 21 km di elettrodotti e 89 sostegni, l’ampliamento della Stazione Elettrica Fusina 2 e la ricostruzione della Stazione Elettrica Malcontenta. Complessivamente, gli interventi consentiranno di liberare oltre 53 ettari di territorio.