Granarolo chiude bene il primo semestre: l’utile netto sale a 6,4 milioni, i ricavi aumentano del 2,3%

Gianpiero Calzolari, presidente di Granarolo spa, nello stabilimento di Bologna
Share

Granarolo ha chiuso il primo semestre dell’anno con un utile netto di 6,4 milioni di euro (era stato di 3,2 milioni nei primi 6 mesi del 2018) e con un fatturato pari a 664 milioni (+2,3%). In linea con il primo semestre del 2018 l’ebitda (32,5 milioni). L’ebit è stato invece di 12,7 milioni (+6%).
“Nel primo semestre 2019 ci siamo concentrati sulla valorizzazione della filiera italiana riportando al centro il latte; una nuova campagna di comunicazione ha reso protagonisti i nostri 600 allevatori, tutti certificati sul benessere animale e una promozione sul Latte Fresco Alta Qualità e Latte Fresco Piacere Leggero nel formato da 1 litro a € 1,39 ha consentito il recupero di importanti volumi”, ha commentato il presidente Gianpiero Calzolari che ha aggiunto: “Nel contempo è stato esplicitato un impegno in termini di sostenibilità attraverso un piano a 3 anni con 3 obiettivi importanti: benessere e sostenibilità ambientale alla stalla, riduzione significativa della plastica, un piano anti-spreco in sinergia con le istituzioni per allungare la durabilità dei prodotti lattiero caseari. Da quando abbiamo avviato la campagna – ha concluso – i volumi di vendita sono tornati a crescere, invertendo il trend; nonostante un mercato latte in flessione di 3,3 punti percentuali, Granarolo ha incrementato la propria quota di mercato di 2,1 punti percentuali, raggiungendo una quota del 21,4%”.