Cuba apre alla gestione privata di internet

Share

La normativa permette l’apertura di cyber caffé

Il governo cubano ha introdotto una nuova normativa che permetterà, a partire dal 29 luglio prossimo, l’uso legale privato di internet ed anche l’eventuale importazione di materiale informatico ad esso collegato, come i router. Lo scrive il quotidiano Juventud Rebelde.

La misura, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale, apre una breccia nel rigido sistema di controllo di internet che faceva di Cuba uno dei paesi di più difficile accesso alla rete virtuale ed ai social network.

Sostanzialmente, precisa il giornale, un privato potrà operare una rete senza fili e collocare una antenna esterna sull’edificio di residenza, di un massimo di potenza di 100 mW, ottenendo una specifica autorizzazione. Questo, secondo gli osservatori locali, permetterà di aprire un servizio al pubblico, tipo cyber caffé.

Comunque lo Stato manterrà un controllo generale sulle attività di internet attraverso Etecsa, l’unico operatore dei servizi di telecomunicazione esistente a Cuba.

Ansa.it