Facebook batte la sfiga: nonostante lo scandalo, crescono gli utili e i ricavi

Share

Mark Zuckerberg, patron di Facebook

Facebook supera di slancio lo scoglio dello scandalo dati trafugati da Cambridge Analytica, almeno dal punto di vista finanziario. Anzi, i conti del social network superano le aspettative degli analisti nonostante ormai dalla campagna presidenziale americana del 2016 si siano rincorse diverse crisi d’immagine per la piattaforma di Mark Zuckerberg.

Nel primo trimestre del 2018, dunque, Facebook diffonde conti sopra le attese sia per gli utili che per i ricavi. I risultati hanno dato un pò di ossigeno al gruppo, che nelle ultime settimane aveva perso terreno a Wall Street. Ieri sera nel dopo mercato, quando sono stati pubblicati i risultati, il titolo è salito con rialzi fino al 5%.

Nel dettaglio, nel periodo concluso il 31 di marzo, Facebook ha registrato ricavi per 11,97 miliardi di dollari contro 8,03 miliardi di dollari dello stesso periodo del 2017, in rialzo del 49%. Il risultato è sopra le attese del mercato che erano di 11,41 miliardi di dollari. I ricavi provenienti dalla pubblicità sono stati di 11,8 miliardi di dollari, rispetto a 7,86 miliardi dello stesso trimestre del 2017. Passando agli utili, quelli adjusted sono stati di 1,69 dollari ad azione, rispetto a 1,04 dollari ad azione del 2017, in rialzo del 63%. Il consensus era fissato a 1,35%.

Gli utili invece sono stati di 4,99 miliardi di dollari, contro 3,069 miliardi del 2017. Le spese in conto capitale sono arrivate a 2,81 miliardi di dollari, in linea con quelle dei trimestri passati.

Mentre a stupire sono i numeri degli utenti attivi, che continuano a crescere un pò ovunque nel mondo: quelli mensili sono saliti del 13% dal 2017 arrivando a 2,2 miliardi rispetto ai 2,13 miliardi della fine dell’anno; quelli giornalieri sono saliti sempre del 13% a 1,45 miliardi di persone.
Repubblica.it
Share
Share