Berlusconi chiede la riabilitazione: ecco il piano per tornare eleggibile

Share

Chiesta al tribunale di sorveglianza di Milano la cancellazione dalla fedina penale della condanna per frode fiscale. Se concessa tornerà incensurato e eleggibile

Non ha potuto candidarsi alle elezioni, ma il suo rientro in una carica istituzionale potrebbe essere comunque assai prossimo: Silvio Berlusconi ha chiesto al tribunale di sorveglianza di Milano la riabilitazione, ovvero la cancellazione dalla fedina penale della condanna per frode fiscale inflittagli nell’agosto 2013 al termine del processo per i diritti tv.
Il Cavaliere, come è noto, scontò un anno di pena in affidamento ai servizi sociali, lavorando presso l’istituto Sacra Famiglia di Cesano Boscone. E la legge prevede che dopo tre anni dalla espiazione della pena, il condannato possa chiedere la riabilitazione. Ovvero di tornare incensurato. E proprio questa è l’istanza che – come racconta oggi il Corriere della Sera – Berlusconi ha depositato il 12 marzo scorso nella cancelleria del tribunale milanese.
È una mossa praticamente scontata, ma che aggiunge un terzo scenario – e questo assai ravvicinato – alle strategie di Berlusconi per tornare a pieno titolo nella vita politica. Il primo, quello senza incertezze, è indicato dalla stessa legge Severino, che ha portato alla sua esclusione dal Senato: la legge prevede che la estromissione dalle cariche elettive possa durare sei anni, pertanto dalla fine di luglio del prossimo anno Berlusconi potrebbe in ogni caso tornare candidabile per ogni carica. Il secondo è affidato al ricorso alla Corte dei diritti dell’uomo a Strasburgo, che ha discusso il caso nell’udienza della Gran Chambre lo scorso autunno e che da allora non ha più dato segni di una decisione imminente. Ora, la richiesta di riabilitazione che potrebbe accelerare bruscamente i tempi del ritorno in scena. Tant’è vero che già nei giorni scorsi se ne era parlato negli articoli che ipotizzavano una candidatura del Cavaliere al ministero degli Esteri nel futuro governo.
L’articolo 179 del codice di procedura penale prevede che la riabilitazione possa venire concessa qualora il condannato “abbia dato prove effettive e costanti di buona condotta”. A sostegno di questa tesi, Berlusconi può portare la decisione dello stesso tribunale di sorveglianza di Milano che decise di accorciare la sua pena dandogli atto del positivo comportamento. Sull’altro piatto della bilancia ci sono i procedimenti penali ancora aperti come cascami del caso Ruby, ma si tratta di accuse che Berlusconi respinge e che impiegheranno anni prima di arrivare ad una sentenza definitiva. Nel frattempo, il Cavaliere chiede di tornare in scena. I tempi di attesa del tribunale di sorveglianza di Milano, oberato di pratiche, in genere sono piuttosto lunghi. Ma la rilevanza della vicenda potrebbe portare la pratica su una corsia più veloce.

Luca Fazzo, il Giornale

Share
Share