Mediaset, passa a maggioranza la modifica della governance

Share

L’assemblea di Mediaset ha approvata il cambio di statuto che permetterà al socio di maggioranza di avere una rappresentanza più forte in cda. La proposta è passata con il sì di Fininvest, il voto contrario della maggioranza dei fondi e l’assenza di Vivendi, che detiene quasi il 30% del Biscione. In particolare è stato modificato l’articolo 17 dello statuto sulle regole di nomina del Cda che finora permettevano un’ampia rappresentanza delle minoranze, dando invece proporzionalmente più spazio all’azionista di controllo.
La proposta approvata del board del Biscione prevede un minimo di sette e un massimo di 15 consiglieri (oggi sono 17), la possibilità per il Cda di presentare una propria lista di candidati e la nomina del board attraverso un sistema a liste bloccate invece del sistema a quozienti. Di fatto le minoranze avranno meno consiglieri, ma la terza lista avrà sicuramente un rappresentante.

Il Messaggero