Chessidice in viale dell’Editoria

Share

Fieg: liberalizzazione necessaria per la rete di vendita. «Consolidare, ampliare e modernizzare la rete di vendita dei giornali per favorire la ripresa del mercato della stampa». È questo l’obiettivo degli editori della Fieg che, nel ribadire l’attuale centralità del prodotto cartaceo e del sistema delle edicole, ritengono di fondamentale importanza favorire ogni possibilità di acquisto. Ieri è entrato nel vivo, presso la Federazione italiana degli editori di giornali, il confronto tra la delegazione degli editori e i rappresentanti dei sindacati degli edicolanti per la individuazione di soluzioni per implementare e rendere più efficiente la rete di vendita. Le parti hanno ripreso il confronto per il rinnovo dell’accordo nazionale. Gli editori della Fieg propongono, a integrazione dell’attuale sistema, – anche con l’apporto degli edicolanti – l’attivazione di altri punti per la vendita presso attività commerciali o di servizi. Ciò garantirebbe una maggiore flessibilità, sia di orario sia di modalità d’acquisto, rispondendo concretamente a una domanda di giornali che oggi risulta non pienamente soddisfatta.
Yahoo sceglie la leadership per il post cessione a Verizon. Yahoo pensa al futuro, ovvero a quando l’accordo con Verizon Communications sarà completato, e comincia a scegliere chi seguirà le attività che non saranno cedute al gigante delle telecomunicazioni. Il consigliere di amministrazione Thomas McInerney sarà alla guida di Yahoo Japan e si occuperà della quota in Alibaba Group. L’attuale amministratore delegato Marissa Mayer resterà in carica fino al closing, poi lascerà anche il cda. Poco chiaro il suo futuro una volta che Yahoo diventerà parte di Verizon, sebbene le abbia detto di «avere in programma di restare». La scelta è stata comunicata insieme con una nota preliminare in cui si chiede per altro agli azionisti di votare a favore dell’accordo rivisto a 4,48 miliardi di dollari per cedere le attività «core», quelle legate a internet, a Verizon. Come già annunciato, dopo la vendita Yahoo cambierà nome in Altaba e gli asset includeranno la quota di Yahoo nel colosso cinese dell’e-commerce Alibaba e appunto Yahoo Japan.
Vigilanza Rai: domani in audizione i componenti dell’Agcom. Domani alle ore 20, la Commissione parlamentare per l’indirizzo generale e la vigilanza dei servizi radiotelevisivi, presso Palazzo San Macuto, svolgerà l’audizione del presidente, Angelo Marcello Cardani, e dei componenti dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni. L’appuntamento sarà trasmesso in diretta sulla webtv della camera.
Glamour Italia compie 25 anni. In occasione dell’anniversario del mensile Condé Nast, saranno allestite una mostra temporanea e tre Wonder Rooms. Il 17 marzo a Milano, in via Bergognone 26, sarà inaugurata una Glamour Wunderkammer (una camera delle meraviglie) con pezzi originali e iconici degli anni 90, riedizioni attuali, rappresentazioni audiovisive dei trend nati 25 anni fa. La mostra, nei giorni 18 e 19 marzo, dalle 10 alle 20, sarà aperta al pubblico. Su prenotazione invece le 3 «Glamour Wonder Rooms»: Fashion Machine, Beauty Network, Fun & Pleasure, pensate come escape rooms in cui i giocatori avranno 30 minuti di tempo per risolvere quesiti ed enigmi legati agli anni 90 e trovare la chiave per uscire.