Un’orgia di regali per dire il nulla

Share

di Cesare Lanza

Sono nato nella misera Italia distrutta dalla seconda guerra mondiale, ricordo con piacere il Natale perché arrivava un regalo. Uno, ho detto! E durante l’intero anno, nisba. Ma adesso?
Anche se siamo in crisi (niente di paragonabile con la povertà degli anni della guerra e dell’immediato dopoguerra) decine di pacchetti sotto l’albero. Non si fa a tempo ad aprirne uno che insorge la curiosità, dopo aver appena dato un’occhiata al regaluccio, di verificare che cosa ci sia negli altri. Un’orgia di sciocchezze, di futilità, di baci e parole tanto mielose, che se influissero sulla glicemia, io diabetico morirei di colpo.

Share
Share