Anzaldi: la Rai all’estero non vende nulla

Share

AMBIENTE:ANZALDI(PD)PASSO FALSO OBAMA SU FIGLIO BOB KENNEDYParole del deputato del Partito democratico e segretario della commissione di Vigilanza Rai Michele Anzaldi: «La Rai, physician purtroppo, a parte Montalbano, all’estero non vende nulla e questo è un problema che non si è ancora posto la tv pubblica». Sarà un caso che a «Libri come», la manifestazione romana dedicata alla letteratura allestita nel corso del weekend negli spazi dell’Auditorium Parco della Musica, sono apparsi sia lo scrittore Andrea Camilleri, inventore del commissario Montalbano, che il portavoce di Matteo Renzi, Filippo Sensi?

* * *

Raffaele Agrusti è il nuovo chief financial officer della Rai, in sostituzione di Camillo Rossotto. La nomina è stata voluta dal direttore generale Antonio Campo Dall’Orto. A viale Mazzini si sottolinea che Agrusti è stato amministratore delegato di Generali Italia, e alla Rai «avrà il delicato compito di gestire le finanze derivanti dal canone in bolletta elettrica e valutare gli investimenti aziendali per realizzare il progetto di fare della Rai una media company in grado di competere con i grandi player internazionali». La scelta è avvenuta su una rosa ristretta di nomi selezionati da Spencer Stuart, una delle società leader nel reclutamento di figure dirigenziali.

* * *

In Brasile è uno scenografo televisivo: Lucio Piantino, classe 1995, affetto da sindrome di Down, da sabato scorso e fino al 21 gennaio del prossimo anno espone i suoi quadri nello spazio dell’Art Forum Würth di Capena, parallelamente alla mostra «Nasi odorano tulipani. L’arte irregolare nella Collezione Würth». Un progetto nato in collaborazione con il presidente del Centro Studi della Città del Sole di Altomonte, Giuseppe Capparelli, che sottolinea anche la passione di Piantino per la musica oltre che per la pittura, un accordo di suoni e colori che non è solo suggerito a livello formale, ma spesso accompagna l’esecuzione materiale dell’opera con una danza che trasferisce emozioni ed impressioni dell’artista sulla tela. Da vedere il documentario De arteiro a artista: a saga de um menino com síndrome de Down.

Italia Oggi

Share
Share