Esselunga, Caprotti pronto a vendere

Share

Il cda potrebbe conferire oggi mandato a Citigroup per selezionare tutte le manifestazioni d’interesse per la quota di controllo del gruppo. Blackstone, Cvc e Walmart in pole position

Bernardo CaprottiBernanrdo Caprotti sempre più vicino all vendiata di una quota di controllo di Supermarkets Italiani, la società che controlla Esselunga. L’imprenditore, alla fine di una lunga saga familiare che ha impedito una successione dei figli alla guida del gruppo, sarebbe infatti intenzionato a vendere la società a un soggetto in grado di garantirne lo sviluppo.
Il consiglio di amministrazione potrebbe così dare mandato oggi stesso a Citigroup per selezionare tutte le manifestazioni d’interesse per la quota di controllo del gruppo Esselunga. In prima fila il fondo statunintense Blackstone, che sarebbe interessato alla sola società operativa e non alla proprietà degli immobili che ospitano i supermercati, raccolti da Caprotti nella società Villata Partecipazioni. Il fondo inglese Cvc, così come il colosso statunitense Walmart, potrebbero invece presentare un’offerta per l’intero impero di Caprotti, la cui valutazione oscilla intorno ai 6 miliardi di euro.

Milano Finanza