Chessidice in viale dell’Editoria

Share

rugby italiaDiscovery Italia,  Rbs 6 nazioni sempre più multipiattaforma e social. Torna il grande rugby con Discovery Italia e tutto è pronto per la partenza di Rbs 6 Nazioni,  il torneo più antico e prestigioso al mondo che vede protagoniste le 6 nazionali europee più forti (Italia, Inghilterra, Francia, Galles, Scozia, Irlanda). Si parte domani alle ore 14,45 con il collegamento live per Francia-Italia. Quest’anno le 15 partite del torneo saranno trasmesse in esclusiva, in diretta e in chiaro su Dmax (canale 52), e i 5 match degli Azzurri saranno proposti in simulcast anche su Deejay Tv. Tutti i match saranno disponibili in live streaming anche su Dplay, il servizio ott gratuito del gruppo, grazie a D-Rugby, con un canale interamente dedicato all’interno del quale sarà possibile rivedere le partite dell’Italrugby subito dopo il fischio finale. Sul sito dmax.it, inoltre, ci sarà uno spazio dedicato a contenuti esclusivi, highlights, classifiche e fotogallery.

Unicef entra in sala con Steve Jobs di Boyle. Domani le proiezioni del film Steve Jobs di Danny Boyle, programmate nelle sale di The Space Cinema, saranno precedute da uno spot dedicato alle azioni dell’Unicef. Un filmato da 45 secondi ideato e realizzato non profit dalla sede italiana della Young & Rubicam Italia, che ha sposato la causa dell’Unicef. «Nessun angolo del mondo è tanto remoto da impedirci di salvare tutti i bambini e garantire i loro diritti, aiutiamo milioni di bambini vittime di conflitti, disastri naturali ed epidemie». La mission dell’Unicef Italia si può sintetizzare con queste poche e incisive parole. Il media prescelto per la campagna è il cinema e, in particolare, il film Steve Jobs che racconta la storia del fondatore di Apple scomparso nel 2011 con Michael Fassbender e Kate Winslet candidati all’Oscar come migliore attore protagonista e come miglior attrice non protagonista.

Facebook ha compiuto 12 anni. Ieri Facebook ha compiuto 12 anni essendo stato lanciato il 4 febbraio del 2004 da un dormitorio di Harvard. All’epoca si chiamava ancora TheFacebook, come gli annuari dei licei e delle università Zuckerberg introduces new Facebook platform into the Android OS called Home appamericane, quelli con le foto degli alunni e qualche riga di biografia per ciascuno: un elenco delle loro attività extrascolastiche, qualche sogno nel cassetto e dove si vedevano nei successivi dieci anni. Fondato in una notte del 2004, arrivò a 1.000 iscrizioni in ventiquattr’ore e in un mese metà degli studenti del campus aveva il suo profilo sulla piattaforma. All’inizio potevano registrarsi solo gli alunni di Harvard, poi quelli di altri college dell’Ivy League (la lega delle più prestigiose università degli Stati Uniti) e più tardi quelli di ogni università d’America. L’espansione iniziò nel Regno Unito, negli atenei di Oxford e Cambridge. Da là la storia è nota: oggi Facebook ha più di 1,5 miliardi di utenti. Come in ogni grande epopea, anche qui non mancarono una polemica e una battaglia legale: quelle che ci furono tra Mark Zuckerberg e altri tre studenti di Harvard. I gemelli Cameron e Tyler Winklevoss, campioni di canottaggio e appassionati di informatica, insieme all’amico Divya Narendra, avevano chiesto aiuto al futuro amministratore delegato di Facebook per sviluppare un loro progetto, ConnectU. Progetto da cui, secondo loro, Zuckerberg prese l’idea per il suo social network. Non a caso nel 2004 denunciarono Facebook e Zuckerberg. La battaglia legale finì quattro anni dopo con un patteggiamento grazie al quale i gemelli hanno portato a casa 20 milioni di dollari in contanti e 45 milioni in azioni del social network. Nel 2008 provarono a chiedere di più, sempre per vie legali, salvo poi abbandonare ogni altra pretesa.

Palazzi & Potere, nasce la nuova sezione di Affaritaliani.it. È online Palazzi & Potere, la nuova sezione di Affaritaliani.it dedicata ai retroscena del potere. Responsabile della sezione sarà Marco Antonellis, che da anni si occupa di giornalismo e comunicazione per alcuni dei più importanti media italiani.

Radio Italia e Tv Sorrisi e Canzoni, al via Sanremo Start. Il party Sanremo Start si terrà domenica prossima presso il Grand Hotel De Londres. A pochi giorni dalla gara canora, l’evento accoglierà il cast e i cantanti in gara della 66ª edizione. Sanremo Start sarà seguito in diretta da Sorrisi.com, dal sito Radioitalia.it e dai profili social dell’emittente e del settimanale.

Nasce Motorsport.com Italia. Motorsport.com lancia ufficialmente la prima edizione italiana del network: lo switch on è fissato per lunedì 8 febbraio alle ore 13,00 quando OmniCorse.it, sito dedicato al mondo delle corse, migrerà ufficialmente sulla nuova piattaforma internazionale (it.motorsport.com). L’apertura segue l’acquisizione di una quota di controllo della Edimotive da parte di Motorsport LLC, la multimedia company americana con sede a Miami editrice del portale Motorsport.com.

“Italia Oggi”