‘Stay hungry, stay foolish’ compie 10 anni

ufficio steve job
Share

ufficio steve jobDiscorso-testamento di Steve Jobs a Stanford il 12 giugno 2005
Compie 10 anni il celebre discorso pronunciato da Steve Jobs all’Università di Stanford il 12 giugno 2005. Considerato il suo testamento, il discorso si chiude con la celebre frase “Stay hungry. Stay foolish”, un invito agli studenti a restare “affamati e folli”. Ovvero, non perdere mai la curiosità e l’ambizione di cambiare il mondo con un pizzico di follia.
Dopo la morte di Steve Jobs e sulla scia del successo di Apple, la frase “Stay hungry. Stay foolish” è diventata un mantra per molti giovani ma anche per molti manager e persone di successo.
Ecco il passaggio finale del discorso che contiene la frase: “Il tempo a vostra disposizione è limitato, non sprecatelo vivendo una vita che va bene per altri ma non vi appartiene. Non lasciatevi condizionare, non lasciate che il rumore delle opinioni altrui copra la voce che avete dentro. Ma soprattutto abbiate il coraggio di seguire quello che avete nel cuore, lasciatevi guidare dall’intuito. Siate affamati. Siate folli”.
La frase “Stay hungry. Stay foolish” è una citazione da una rivista, The Whole Earth Catalog, pubblicata tra il 1968 e il 1972. Jobs la definisce, sempre nel discorso di Stanford, “il Google in forma cartacea, 35 anni prima che Google nascesse. Zeppo di idealismo, di strumenti utili e grandi idee”.
Steve Jobs è nato in California, a Green Bay, Il 24 febbraio 1955. E’ stato dato in adozione dai suoi genitori naturali e allevato da Paul e Clara Jobs. Non si è mai laureato. A 21 anni ha fondato la Apple con Steve Wozniak, l’11 aprile 1976. Nel 1985 fu estromesso dal Cda della società – nel frattempo fondò Next Computer e comprò Pixar, sfornando Toy Story – per poi rientrare nel 1996 da trionfatore e portare l’azienda al successo planetario con iPhone, iPod e iPad.

La sua vita cambia nell’ottobre 2003, anno in cui risale la sua prima diagnosi di cancro. Steve Jobs muore il 5 ottobre 2011.

Share
Share