Larry Page di Google è il Ceo più amato da dipendenti

google
Share

Conferenza stampa di Larry Page, <a href= CEO e fondatore di Google” width=”250″ height=”167″ />Top ten Usa: promossi a pieni voti anche Zuckerberg e Cook
È Larry Page il capo più amato dai dipendenti. A incoronare il numero uno di Google è un sondaggio condotto da Glassdoor su impiegati ed ex impiegati Usa di una serie di compagnie. Page ha ottenuto un indice di gradimento del 97%, sovaldi sale cifra raggiunta anche dal Ceo di Nike Mark G. Parker, secondo, mentre quello di Heb, Charles C. Butt, è al terzo posto col 96%. Mark Zuckerberg di Facebook si piazza appena fuori dal podio con il 95%. Nella top ten entra quest’anno anche Tim Cook di Apple (94%). L’ad di Microsoft Satya Nadella (81%) è invece fuori dai primi 50. Tra le altre compagnie hi-tech, Jeff Weiner di LinkedIn è 12/mo.
La top ten prosegue con Scott Scherr di Ultimate Software al quinto posto, seguito da Hugh Grant della Monsanto Company, Lloyd C. Blankfein dio Goldman Sachs, John E. Schlifske di Northwestern Mutual e Glenn Johnson di Insight Global. Cook, grazie a due punti percentuali in più rispetto all’anno scorso, si piazza in decima posizione.
Glassdoor, società di job searching, ha interrogato anche i dipendenti inglesi e britannici. Nel Regno Unito si conferma in testa Page di Google, seguito da Ken Chenault di American Express e da David Dyson della compagnia telefonica Tre. Nadella si riscatta piazzandosi al 14/mo posto, con Cook al 21/mo, mentre Zuckerberg non rientra fra i primi 25. In Germania trionfa Volkmar Denner di Bosh, con Norbert Reithofer di Bmw e Dieter Zetsche di Daimler a completare il podio.

(Ansa)

Share
Share