Finmeccanica: contratto da un miliardo per 40 aerei Atr

Share

Mauro MorettiE’ la più grande commessa degli ultimi 20 anni. L’ad Moretti: “Crediamo molto nel programma, nella qualità dei prodotti e nelle potenzialità commerciali, < fattori che consentiranno alla joint venture italofrancese di restare protagonista nel proprio segmento di mercato”

Finmeccanica ha siglato un contratto da un miliardo di dollari con la compagnia indonesiana Lion Air. La commessa è in carico ad Atr, la joint venture paritetica tra Alenia Aermacchi (Finmeccanica) e Airbus: l’accordo, firmato alla presenza del premier Matteo Renzi e dell’ad del gruppo Mauro Moretti, rappresenta la più grande commessa di aerei Atr degli ultimi 20 anni.
Nel dettaglio, il contratto riguarda la fornitura di 40 velivoli Atr 72-600 “destinati a soddisfare la crescente domanda di trasporto aereo di corto-medio raggio nella regione indonesiana e del Sud-Est asiatico”. In base all’accordo, cui Sace ha fornito un importante supporto finanziario, le consegne inizieranno a partire da gennaio 2016 e proseguiranno sino a dicembre 2018. I nuovi velivoli si aggiungono ai 60 Atr 72 già ordinati dalla compagnia Lion Air dal 2008.
“La joint venture Atr è un chiaro esempio di come la sinergia tra le maggiori industrie aeronautiche europee consenta la realizzazione di prodotti e sistemi tecnologicamente di alto livello, in grado di fronteggiare con successo, su scala internazionale, concorrenti sempre più agguerriti”, ha dichiarato Mauro Moretti che ha aggiunto: “Finmeccanica crede fortemente nel programma Atr, nella qualità dei prodotti e nelle potenzialità commerciali, fattori che consentiranno alla joint venture italofrancese di restare protagonista nel proprio segmento di mercato”.
Finmeccanica-Alenia Aermacchi realizza per le due versioni dei velivoli Atr (ATR 42-600 e ATR 72-600) l’intera fusoliera in metallo (completamente dotata di apparecchiature e sistemi) e gli impennaggi, costruiti in materiale composito. Le principali componenti strutturali della fusoliera sono prodotte nello stabilimento campano di Nola e assemblate a Pomigliano d’Arco, nei pressi di Napoli, dove nasce la fusoliera completamente equipaggiata. Le parti strutturali in materiale composito degli impennaggi di coda sono, a loro volta, realizzate nello stabilimento Finmeccanica-Alenia Aermacchi di Foggia.

La Repubblica