Toscana, al museo i migliori panettoni d’Italia

Share

Per un giorno, accanto ai manufatti etruschi troveranno posto i lievitati di pasticceri pluripremiati come il toscano Paolo Sacchetti o l’emiliano Claudio Gatti: il giorno di Capodanno ben 15 tra i migliori panettoni d’Italia preparati dai Maestri del Lievito madre faranno mostra di sé nelle sale del MAEC, il Museo dell’Accademia Etrusca e della Città di Cortona, che ospitano capolavori come il lampadario etrusco del IV secolo a.C. o la Tabula cortonensis. È quanto ha organizzato Terretrusche per il 12° appuntamento con la rassegna “Colazione al museo”: l’iniziativa, patrocinata dal Comune di Cortona (Arezzo), andrà in scena in Palazzo Casali mercoledì 1 gennaio a partire dalle ore 15 e si conferma come un evento unico nel suo genere a livello nazionale. In una giornata in cui solitamente i musei sono chiusi, come da tradizione, il 2020 inizia al MAEC all’insegna del binomio tra cibo e cultura, con l’obiettivo di valorizzare le eccellenze dell’arte artigiana nel campo dei lievitati. Quest’anno alla “Colazione al museo” parteciperanno infatti i Maestri del Lievito madre, il network che riunisce i migliori pasticceri d’Italia: hanno confermato l’adesione Andrea Tortora (AT/Patissier, San Cassiano in Badia – BZ), Carmen Vecchione (DolciArte, Avellino), Vincenzo Tiri (Tiri 1957, Acerenza – PZ), Paolo Sacchetti (NuovoMondo, Prato), Claudio Gatti (Pasticceria Tabiano, Tabiano Terme – PR), Stefano Gatti (Il Fornaio, Viareggio – LU), Marco Avidano (Pasticceria Avidano, Chieri – TO), Renato Bosco (Saporè, San Martino Buon Albergo – VR), Maurizio Bonanomi (Pasticceria Merlo, Pioltello – MI), Mario Bacilieri (Pasticceria Bacilieri, Marchirolo – VA), Denis Dianin (D&G Patisserie, Selvazzano Dentro PD).
 Al museo di Cortona i panettoni dei pasticceri big nazionali non saranno soltanto esposti, ma – al termine della mattinata, che prevede anche degustazioni e momenti musicali dal pop al jazz – verranno tagliati e offerti ai partecipanti alla colazione, che avranno l’opportunità di concedersi una serie di assaggi “comparati” tra alcuni dei lievitati riconosciuti come quelli di assoluta eccellenza a livello nazionale.

Share
Share