Francia, decreto sulla trasparenza in pubblicità anche per il web

Share

C’è voluta la minaccia di una denuncia alla direzione antifrode del ministero dell’economia da parte dell’Uda, Union des announceurs, l’Upa francese cui aderiscono più di 6 mila aziende, ma alla fine il decreto è arrivato. E sabato, 11 febbraio, è stato pubblicato sul Journal Officiel, la gazzetta ufficiale.
Il risultato è che la Francia è l’unico paese in cui agenzie e centri media, fin dal lontano 1993 quando è entrata in vigore la Loi Sapin (dal nome del ministro dell’economia dell’epoca, Michel Sapin, che per ironia del destino è allo stesso posto anche oggi), non possono acquistare in proprio spazi pubblicitari.
La Loi Sapin viene estesa per decreto anche alla pubblicità online, a un mercato che solo in Francia vale 3,5 miliardi di euro. La Francia ha fatto il passo che tutti si aspettavano: ha esteso i vincoli della Loi Sapin del ’93 alla pubblicità online imponendo (art. 2 del decreto) a tutti gli intermediari gli stessi obblighi di trasparenza e rendicontazione della pubblicità tradizionale (carta, stampa, radio e tv). Precisando (art. 3) che «le vendeur d’espace publicitaire devra fournir une liste exhaustive d’informations», che gli intermediari dovranno giustificare fino all’ultimo centesimo come sono stati investiti i quattrini delle aziende.

Giuseppe Corsentino, ItaliaOggi

Share
Share