La Germania nega gli incentivi a Tesla: “sono auto di lusso”

Share

C’è un limite a 60 mila euro per avere l’aiuto statale. La Tesla dice di rispettare quel tetto, l’ente federale tedesco accusa: “Quella macchina non esiste”.

Elon Musk, fondatore di Tesla

Niente da fare: in Germania le Tesla non potranno avere l’incentivo statale che spetta a tutte le auto elettriche, i famosi 4000 euro che rendono competitivi i listini sempre un po’ cari delle vettute a batteria. Motivo? Secondo l’agenzia governativa tedesca sono auto di lusso, quindi niente incentivo.

Immediate le proteste della Tesla ma in Germania, si sa, sono precisi: la legge parla chiaro e l’incentivo può andare solo alle auto con un prezzo di listino inferiore ai 60 mila euro. E visto che la Tesla più economica, la S  base, ne costa 71.500…

La Tesla però contesta la decisione: secondo loro la Tesla Model S priva di alcuni accessori costa appunto 60 mila euro. Ma le proteste del colosso Usa sono state respinte al mittente dall’agenzia governativa secondo la quale quella Model S non esiste. “Abbiamo cercato di ordinare la versione base Model S senza gli accessori di cui parla la casa madre – spiega un portavoce dell’Ufficio federale per gli affari economici e il controllo delle esportazioni (BAFA) – ma è stato impossibile, quella macchina non esite”.

“Questa è un’accusa – ha ribattuto la Tesla in un documento ufficiale – è completamente falsa: chiunque in Germania può ordinare una versione base Tesla Model S senza il pacchetto comfort, e abbiamo consegnato diverse auto così equipaggiate ai clienti”.

Ma c’è di più: la casa automobilistica Usa insinua che che il limite massimo è stato inizialmente fissato dal governo tedesco per escludere Tesla, “anche se poi – spiegano dagli Usa – in seguito è stato raggiunto un compromesso che ci consente di vendere un veicolo senza accessori che possa avere l’incentivo statale”. La battaglia è in ogni caso aperta.

Vincenzo Borgomeo, Repubblica.it

Share
Share