II sindaco Raggi riuscirà a controllare Roma

Share

di Cesare Lanza

Scommettiamo che la sindaca di Roma avrebbe avuto meno guai, se fosse stata ben consigliata? Non sono presuntuoso, chiunque di voi, amici lettori, simpatizzante per i grillini 0 no, potrebbe darle qualche consiglio di buon senso. Da parte mia, il giorno dopo la trionfale elezione, le avrei consigliato di scrivere una lettera aperta alla città. Questa: «Cari elettori, grazie. Roma affonda nei debiti ed è sommersa da terribili problemi. Mi avete sostenuto con una immensa fiducia e ne avrò ancora bisogno: perché non posso, e nessuno potrebbe, fare miracoli. Ma mi impegno ad affrontare i problemi subito, con la vostra collaborazione. Il primo sarà la sporcizia, che offende e degrada la città più bella del mondo. Diremo di no agli sperperi e al malaffare, ma entro due mesi Roma tornerà pulita, come tutti la desideriamo. Il primo obiettivo è fare pulizia in casa! Poi, via via, ci occuperemo di tutto il resto! ». Penso che Virginia Raggi avrebbe dovuto impostare un rapporto chiaro e diretto con i cittadini: comunicazioni semplici, senza contraddizioni. Avrebbe dovuto farsi considerare, subito, una di noi: affrontando l’inferno romano e i suoi problemi, uno alla volta. In due mesi, con tutte le risorse a sua disposizione (magari esigendo l’intervento dell’esercito e di tanti volontari) avrebbe potuto ridarci la nostra bella Roma pulita come tante altre capitali di Paesi non più civili del nostro – e mantenerla tale, con provvedimenti drastici, straordinari. Senza farsi ingabbiare in polemiche inutili, ma inseguendo risultati visibili, davanti agli occhi di tutti. È ancora in tempo, se vuole: mi ostino ad avere e darle fiducia.

Cesare Lanza, La Verità

Share
Share