L’Udinese affonda un inguardabile Torino all’Olimpico con Perica. Fischi sui granata di Ventura

Share

I friulani passano a fine primo tempo con un regalo dei granata. Nella ripresa, con l’Udinese in dieci (espulso Wague) neppure il tridente con Maxi scuote la squadra. Glik in panchina. Reclamato un rigore per fallo su Vives

udinese torinoTORINO  – L’Udinese, in dieci per l’espulsione di Wague, affonda i granata all’Olimpico grazie al gol di Perica nel finale del primo tempo favorito da un regalo (doppio intervento sballato di Molinaro e Moretti). Così, un inguardabile Toro, molle e sconclusionato, dopo il derby di Coppa, perde anche l’ultima dell’anno in casa, tra i fischi del pubblico. La squadra di Ventura lascia il gioco a quella di Colantuono e nella ripresa, quando deve recuperare, neppure col tridente – dentro Maxi – cambia marcia. Alla fine, l’unico tiro pericoloso è quello di Belotti bloccato da Karnezis, per il resto è notte fonda. E si avvicina di più l’Udinese al raddoppio che non il Toro – con il capitano Glik mestamente in panchina – al pari. Anche se ci poteva stare un rigore su Vives. Nella pausa natalizia, il presidente Urbano Cairo e il ds Gianluca Petrachi dovranno prendere decisioni: così non si va da nessuna parte. Sul mercato bisognerà aggiustare la squadra. E se poi davanti nessuno la butta dentro…

FUORI GLIK, ECCO QUAGLIA – Nelle scelte iniziali, ecco il Toro rivoluzionato dopo il 4-0 beccato nel derby. Riposa capitan Glik, al suo posto Jansson; Benassi e Vives (con la fascia) in mezzo, Zappacosta al posto dello squalificato Bruno Peres. Davanti torna Quagliarella con Belotti (compie 22 anni) e si prende i fischi: i fermo-immagini con gli ammiccamenti con Pogba in tv nella stracittadina hanno lasciato il segno… E i tifosi espongono due striscioni: “Bruno, Annoni, Policano, solo calci niente strette di mano” in riferimento ai sorrisetti e ai baci e abbracci con gli juventini dopo la pesante sconfitta e “Un bagno di umiltà per un #Derby giocato senza dignità”. Colantuono si affida a Di Natale.

PERICA GOL – Al 7’ pericolo per il Toro con conclusione di Badu smorzata su Padelli. Al 10’ ancora i friulani con Perica che però la passa al portiere granata. Bell’iniziativa di Zappacosta con Karnezis bravo in uscita. Giallo per Danilo che ferma Belotti lanciatissimo al 12’. Poi grande galoppata del Gallo, senza esito.  Super Padelli al 16’ su Di Natale. Ventura nel frattempo chiede a Bovo e Zappa di proporsi subito per avviare l’azione. Benassi ci prova e poi Quagliarella tira da fuori, palla alta di pochissimo. Ancora Padelli che risolve in uscita una mischia in area. La tattica del Toro è un tantino attendista, il gioco è in mano all’Udinese. Da Quaglia a Benassi e Belotti: bel tiro del Gallo con Karnezis pronto. Strana carambolo di Bovo con Padelli che la deve mettere in angolo. Al 41’, prima Zappacosta perde un contrasto in attacco con Felipe (ci stava il fallo del brasiliano), quindi azione insistita dei friulani, e alla fine Perica batte Padelli e porta in vantaggio l’Udinese dopo aver vinto due contrasti. Molinaro e Moretti si fanno male da soli. «Tirate fuori le palle», urla lo stadio. Al 46’ da Belotti a Quagliarella che cade in area pressato da Widmer. E il Toro va negli spogliatoi sommerso dai fischi.

ESPULSO WAGUE – Si ricomincia con il Toro sotto per uno a zero. Gran palla di Bovo, ma Molinaro non ci arriva. Ventura manda a scaldare Maxi Lopez. All’8’ Wague stende Quagliarella e si prende il giallo. Intanto, è pronto Avelar a far staffetta con Molinaro. Punizione e Quagliarella tenta l’aggancio, angolo. Al 9’ Padelli salva di piede il possibile 2-0 dell’Udinese con Edenilson. Ecco Avelar, quindi, al 12’. e arrivano i cross. Ma è ancora Perica a spaventare il Toro dopo essersi mangiato Bovo.  Fuori Benassi, dentro Acquah. E Lodi tenta il colpaccio al volo. Insomma, per i granata è notte fonda. Giallo per Bovo che getta il pallone fuori dopo aver fermato Di Natale. Scambio vivace tra Ventura e Quagliarella. Poi rosso per Wague per fallo su Quaglia e Udinese in dieci (fuori Di Natale per Piris). Avelar tenta la punizione, deviata.  Fuori Bovo al 25’ e dentro Maxi Lopez: il tridente per tentare la rimonta. Destro di Perica al 260 e Padelli blocca. Sono i friulani ad avvicinarsi al raddoppio. Per il Toro si fa dura. Giallo per Maxi. Al 34’ Belotti conclude ma c’è deviazione. L’Udinese sfiora di nuovo il bis con Widmer. C’è anche un rigore reclamato da Vives trattenuto da Danilo. Nell’ultima occasione sale  Padelli, ma non va. Sul Toro inguardabile i fischi dell’Olimpico.

da “Tutto Sport”

Share
Share