TInspiringPR, l’evento per motivare i comunicatori

Share

ferpidi Irene Greguoli Venini

Torna il 30 maggio InspiringPR, pharm evento promosso da Ferpi, order arrivato alla seconda edizione, nato per motivare chi si occupa di comunicazione a utilizzare nuove modalità di approccio alle relazioni pubbliche con il contributo di personalità di estrazioni diverse, provenienti per esempio del mondo del giornalismo, dell’imprenditoria, del digitale, delle scienze umane e del design.
L’iniziativa si svolgerà a Venezia presso la Scuola Grande di San Giovanni Evangelista e ruoterà attorno al tema dell’ascolto, riferito agli stakeholder, ai clienti, ai fornitori e al mondo della rete.
«InspiringPR nasce l’anno scorso da un’intuizione della nostra delegazione del Triveneto», spiega Patrizia Rutigliano, presidente di Ferpi (Federazione relazioni pubbliche italiana). «È un happening, non è un convegno, che coinvolge tutta una serie di rappresentanti trasversali del mondo della comunicazione e anche il pubblico, da professionisti a studenti, in modo interattivo.
http://www.italiaoggi.it/artimg/2015/123/1989505/1-img429410.jpgNoi come Ferpi a livello nazionale abbiamo sposato questo progetto, che verrà trasposto e plasmato sulle esigenze delle altre delegazioni territoriali».
Nell’evento «c’è una contaminazione di generi ed esperienze, perché raccoglie performer da tutta Italia, che hanno tagli diversi e che salgono sul palco per 10-15 minuti, in una formula molto serrata, rappresentando idee, esperienze e riflessioni, con qualunque soluzione da loro scelta, suscitando una serie di stimoli».
Tra gli interventi previsti (12 in tutto) ci sono per esempio quelli di Stefano Micelli (direttore scientifico della Fondazione Nord Est), Riccardo Scadellari (creatore dei TweetAwards), Oscar Di Montigny (direttore marketing, comunicazione e innovazione di Banca Mediolanum), Cristiano Nordio (esperto di marketing e community building), Luca Carbonelli (esperto di digital marketing), Assunta Corbo (giornalista e blogger), Fausto Biloslavo (reporter di guerra multimediale) e Anna Turcato (style strategist nel mondo della moda).

Share
Share