Umbria, A2A presenta il progetto per la realizzazione di un impianto per il recupero dei rifiuti nel territorio di Gualdo Tadino

Share

A2A (nella foto, l’a. d. Renato Mazzoncini) ha presentato alla Regione Umbria il progetto per la realizzazione di un impianto per il recupero e la valorizzazione dei rifiuti organici nel territorio di Gualdo Tadino, finalizzato alla produzione di biometano e compost di qualità. A2A ha partecipato alla seduta della “Commissione speciale su transizione ecologica del territorio; tutela salute pubblica, ambiente e territorio” e ha illustrato il progetto ai membri della Commissione, al Sindaco, alla Giunta e ai Consiglieri Comunali. L’iniziativa, che sarà portata avanti da Bioenergia Gualdo S.r.l. – società nata dalla compartecipazione di A2A Ambiente (Gruppo A2A) – e Saxa Gres, consentirà di trattare, secondo i principi dell’economia circolare, i rifiuti derivanti dalla raccolta differenziata dell’organico domestico e di sfalci e potature del verde pubblico e privato e trasformarli in risorse.
Grazie all’impianto, in grado di trattare 60.000 tonnellate all’anno – afferma una nota – sarà possibile produrre biometano e compost. Il biometano generato, pari a 4.920.000 metri cubi all’anno, verrà immesso nella rete di trasporto del gas e potrà essere destinato alle attività produttive della zona, e nello specifico all’area industriale Nord del Comune, riducendo così il ricorso ai combustibili fossili e fornendo un contributo concreto per la crescita del processo di decarbonizzazione e della competitività del sistema imprenditoriale del territorio a sostegno dell’occupazione.
Dall’operatività dell’impianto sarà possibile ottenere anche circa 12.000 tonnellate di compost naturale ogni anno (quantitativo sufficiente a soddisfare le esigenze delle colture di circa 400 ettari di terreno), un ammendante che aiuta a mantenere produttivi i suoli e che sarà messo a disposizione dell’agricoltura locale, consentendo così di evitare l’utilizzo di concimi chimici.