Ecco le 10 destinazioni da visitare quest’anno

Share

Anche nell’appena trascorso 2022, l’Italia è stata tra i Paesi più ricercati, amati e visitati dai turisti di tutto il mondo. Le sue attrazioni, le sue città e la sua cultura sono sinonimo di un viaggio indimenticabile in ogni momento dell’anno. Aldilà delle mete più celebri e inflazionate, per l’anno appena iniziato emergono nuove tendenze di viaggio. Dove andrà in vacanza nel 2023 chi ama l’Italia e vuole scoprire nuove destinazioni? In questa guida, Visit Italy ha selezionato 10 mete da non perdere quest’anno. Sono destinazioni che si propongono come alternativa al turismo di massa, mete che raccolgono tutta la tradizione e l’identità tra le loro vie, che hanno nella loro comunità locale il loro punto di maggior pregio, nonché altre città, luoghi e piccoli borghi che si sono distinte nel passato – e continueranno a farlo nel futuro – per tematiche ambientali o che si raccontano attraverso nuove strategie di comunicazione digitale. Dunque, ecco le 10 destinazioni italiane da non perdere nel 2023 secondo Visit Italy, in una elenco dalla decima alla prima

10. OFANTO: UN PARCO NATURALE CON UNA STORIA DA RACCONTARE – Il Parco Naturale Regionale Fiume Ofanto custodisce in sé una forte identità culturale e con la quale valorizza il territorio con il suo importante patrimonio archeologico, storico e naturalistico. Si tratta di un territorio da esplorare che nasconde decine di tesori, un’occasione di immergersi nella natura verde e spesso incontaminata e misteriosa della Puglia. Il fiume Ofanto, difatti, è una presenza importante in Italia sin dai tempi degli antichi romani e con i suoi 170 chilometri è il fiume più lungo a sfociare nell’Adriatico, attraversando tre regioni. Però è in Puglia che nasconde i suoi tesori migliori, raccolti nel Parco Naturale Regionale che abbraccia 11 comuni pugliesi. Il Parco Naturale Regionale Fiume Ofanto è stato istituito nel 2007 e racchiude in un’area naturale protetta un incredibile valore naturale che il fiume e il suo intorno sono in grado di proporre: dai numerosi esemplari di pioppi e querce locali fino ad animali che qui trovano il loro habitat naturale per una full immersion nella natura italiana. All’interno del parco si possono svolgere diverse attività a contatto con la natura sia da turista sia da sportivo, come lunghe escursioni a cavallo, fino alle gite in canoa e kayak lungo il fiume. Il progetto più interessante è forse però quello della Ciclovia dell’Ofanto, recentemente completata nel suo tratto pugliese. Si tratta di un percorso ciclabile che accompagna il fiume Ofanto nel suo viaggio e che permette di addentrarsi alla scoperta del parco attraverso itinerari tematici, in un rispettoso scambio tra uomo e natura.

Continua l’elenco: 9. OSTIA: LA PERLA ARCHEOLOGICA A SUD DI ROMA – A sud di Roma si trova una delle perle del Lazio e dell’Italia intera, Lido di Ostia o semplicemente Ostia. Si tratta di una località che estende la bellezza e la grandezza storica e culturale di Roma fino al mare, mantenendo e valorizzando la sua identità culturale. Infatti la sua fondazione risale al regno di Anco Marzio quando si trasformò da base strategica militare del regno di Roma a centro turistico e commerciale dell’Impero Romano. Dopo essere stata abbandonata al crollo dell’Impero Romano, all’inizio del Novecento viene realizzato il centro abitato odierno per regalare alla città di Roma, di nuovo, uno sbocco sul mare. Difatti Ostia è spesso meta di chi vuole passare una giornata lontana dalla caoticità della Capitale passeggiando in riva al mare sulle spiagge di sabbia nera. Quello che contraddistingue Ostia è assolutamente il suo fascino retrò con gli edifici e gli stabilimenti balneari che richiamano l’Italia degli anni ’50. Tra le cose da non perdere c’è la nuovissima promenade del lungomare, il piccolo borgo dei pescatori e Tor San Michele, uno dei residui delle fortificazioni medievali del borgo antico. Ostia però è famosa, soprattutto per Ostia Antica, il centro realizzato nel IV a.C., che insieme a Pompei è il sito archeologico più grande d’Europa. Attualmente poco meno della metà della città antica è stata riportata alla luce con le terme di Nettuno e la necropoli che la fanno da padrona, insieme alle terme dei Sette Sapienti e al meraviglioso teatro Romano, che poteva ospitare ben 4000 persone.

8. ALTAMURA: LA CITTÀ DEL PANE A DUE PASSI DA MATERA – La prossima destinazione da non perdere che ti suggeriamo è famosa in tutto il mondo per il suo pane, Altamura. Si tratta di una città dove l’ambiente, la cultura e la tradizione gastronomica si intrecciano in un vortice di rara e unica bellezza. Una meta che offre tanti spunti diversi in tipologia e che possono cambiare in base alle tue preferenze. La citta del pane, a pochi chilometri da Matera, si trova nelle Murgia, l’altopiano carsico pugliese, caratterizzato da rocce chiare e bianche e dove cresce una particolare e buonissima qualità di grano, esportato in tutta Italia. È una meta di interesse storico e prestorico che ancora oggi mantiene la sua identità. Tra le cose più belle da vedere c’è sicuramente la maestosa Cattedrale di Altamura, realizzata per volere di Federico II di Svevia, con il suo ricco stile barocco all’interno e con i due campanili che rendono la facciata simmetrica. Un’altra attrazione sono le Grotte di Altamura dove sono stati ritrovati i resti di un uomo di Neanderthal. Il celebre uomo di Altamura ha una datazione di circa 130-190 mila anni fa.

E ancora: 7. CESENATICO: IL BORGO MARINARO DEL BUON VIVERE – Cesenatico è un borgo marinaro immerso nel cuore della Riviera Romagnola. La campagna social online promossa dallo stesso borgo lo ha portato ad essere una delle mete più ambite dagli italiani negli ultimi anni e anche nel 2023 si tratta di una meta da non perdere. Il borgo marinaro è tutto da scoprire con il centro storico colorato, diviso in due da un fila di antiche vele spiegate che colorano il Porto Canale leonardesco. Un borgo di marinai e pescatori che ancora oggi conserva i colori delle case e il carattere particolare che il borgo del buon vivere può offrire. Cesenatico è la meta ideale per una vacanza al mare sulla riviera adriatica con spiagge ampie e ricche di attrazioni per bambini, amanti del campeggio e giochi acquatici.

6. ORVIETO: IL BORGO PIÙ FAMOSO D’ITALIA DA NON PERDERE – Orvieto è una delle città più antiche e visitate d’Italia. Ha origini antichissime ma è famosa per la sua bellezza morfologica e architettonica, per questi motivi negli ultimi anni è stata meta di tantissimi turisti che l’hanno resa una vera e propria star dei social con centinaia di post dedicati a questo piccolo borgo arroccato sul costone di tufo nel bel mezzo dell’Umbria. Nonostante queste caratteristiche il merito della fama di Orvieto è dovuto soprattutto al magnificente Duomo omonimo. Si tratta di un esempio di architettura romanico-gotica, ricchissimo di opere d’arte, che custodisce al suo interno il Sacro Corporale. Ma ci sono anche tante altre attrazioni come il pozzo di San Patrizio, un incredibile opera di ingegneria civile del Cinquecento.

5. CHIOGGIA: LA PICCOLA VENEZIA – Nel 2022 Chioggia è stata inserita dal New York Times tra le destinazioni da non perdere in Italia come meta alternativa, o addirittura privilegiata, rispetto alla sua sorella più grande e famosa, Venezia. Infatti la piccola città lagunare è considerata la ‘Piccola Venezia’ ed è una realtà bellissima. L’appellativo di “Piccola Venezia” deriva dalla vicinanza ma anche per le caratteristiche urbanistiche, che ricordano quelle della Serenissima Venezia. Infatti è composta da un sistema di isolotti divisi da canali su cui trovano spazio campi, calli e ancora edifici storici, sacri e musei. Come dimostra l’interesse del New York Times, Chioggia merita molto di più dello stereotipo di alternativa a Venezia. Ha una storia di tutto rispetto, visto che è anche antecedente a Venezia come suddetto e si può collocare la sua origine su progetto dei Romani. Tra le architetture di maggior pregio da vedere c’è il Palazzo del Municipio e la Cattedrale di Santa Maria Assunta.

4. CILENTO: UNA TERRA AUTENTICA – ‘Il fascino segreto di una terra autentica’ è la descrizione sintetica ma pregnante che negli ultimi anni ha caratterizzato il Cilento. Una terra che nasconde e custodisce una serie di bellezze naturali, culturali, storiche e architettoniche che tutto il mondo ci invidia, all’interno del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni. Il Parco Nazionale del Cilento è Patrimonio UNESCO dell’umanità dal 1998 e comprende al suo interno bellezze come il parco archeologico di Paestum, la certosa di Padula, nonché bellissimi borghi a metà tra il mare e le montagne come Palinuro e Marina di Camerota. È una delle mete turistiche più ambite da tutti i turisti che giungono in queste zone, in particolare durante il periodo estivo, quando vengono organizzati centinaia di eventi e manifestazioni per passare una vacanza indimenticabile in uno dei luoghi più belli d’Italia e del mondo. Il Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni è una delle destinazioni da non perdere per il 2023 anche per il cibo, infatti, anche la tradizione culinaria di questa terra è entrata nella lista del Patrimonio UNESCO: la celebre dieta mediterranea. Una dieta che affianca ad uno stile di vita salubre un’alimentazione sana con prodotti locali e genuini.

 Infine: 3. CASTIGLIONE DELLA PESCAIA: LA SVIZZERA DELLA MAREMMA – Una delle destinazioni migliori da non perdere è senza dubbio Castiglione della Pescaia, una cittadina toscana nella Maremma del nord. È una delle principali mete in Toscana per il turismo estivo con il suo bellissimo mare e i panorami mozzafiato. Nonostante sia un paese molto piccolo è stato spesso premiato da Legambiente (5 Vele nel 2005 e nel 2014, 2015 e 2016) e dal Touring Club per la sua immensa bellezza e per la sua armonia e tranquillità, tanto da essere conosciuto anche con il nome di ‘Svizzera della Maremma’. In anticipo rispetto alle normative europee, già dal 2019, Castiglione della Pescaia ha aderito alla politica plastic free, con il divieto di vendita e distribuzione di plastica monouso in tutto il territorio comunale.

2. URBINO: CUORE DEL RINASCIMENTO ITALIANO – Una delle ultime mete migliori da non perdere per il 2023 è senza dubbio Urbino, città rinascimentale per antonomasia e disegnata per essere la città ideale del Cinquecento. Tra i più importanti centri rinascimentali italiani e città d’arte è sito UNESCO patrimonio dell’ umanità ed ha dato i natali ad alcuni tra i migliori artisti e uomini culturali della storia italiana come Raffaello Sanzio, Piero della Francesca e Federico da Montefeltro. Nell’insieme della grande campagna di comunicazione portata avanti negli ultimi anni dalla Regione Marche, Urbino ha saputo ergersi nella sua essenza di città d’arte, dalla comunicazione, fino, e soprattutto, alle strade del centro storico che ti danno la sensazione di rivivere un’importante pezzo di storia italiana, il Rinascimento. Tra le cose che non devi assolutamente perdere in visita ad Urbino ci sono senza dubbio il Palazzo Ducale, espressione della città ideale, costruito in circa 30 anni, nonché la casa che ha dato i natali a Raffaello Sanzio.

1. SARDEGNA DEL NORD: NATURA, EVENTI E CULTURA – Nel cuore del Mar Mediterraneo si trova una delle bellezze italiane più visitate e ricercate in tutto il mondo, la Sardegna. Conosciuta in tutto il mondo per le sue bellissime spiagge e per il suo mare incontaminato, presenta particolarmente nella parte nord una costellazione di attrazioni naturali, storiche e culturali da non perdere. Tra le aree più affascinanti della Sardegna del Nord, c’è senza dubbio la Gallura con tutte le sue spiagge incontaminate e una delle zone mondane per antonomasia la Costa Smeralda. Visitare la Sardegna del Nord è un’esperienza sia per tutta la famiglia, in coppia o con gli amici dall’arcipelago della Maddalena fino alle ricchezze storiche e culturali di città come Sassari e Alghero. Oltre all’alta densità di bellezze naturali, la Sardegna ospita eventi culturali, turistici e rassegne che la promuovono e l’arricchiscono durante tutto l’anno. Una delle più importanti rassegne della Sardegna del Nord è quella di Salude e Trigu che da anni raccoglie e valorizza tutti i migliori eventi che si tengono nel Nord della Sardegna sia in estate sia in autunno.