Il Piemonte domina il mercato Food&wine

Share

(di Tiziano Rapanà) Il nobile Piemonte ha il primato. Il regno della bagna cauda, degli agnolotti del plin, dello straordinario bollito misto, ha conquistato la sua medaglia d’oro. In soldoni, il Piemonte è la Regione italiana più presente nei pacchetti turistici dedicati al Food&wine offerti in Germania, Austria, Spagna, Olanda e Regno Unito. La medaglia d’argento se l’aggiudica la Campania, alla Toscana tocca quella di bronzo. Questa è l’immagine della vittoria che offre uno studio Enit (Agenzia nazionale Turismo) svolto da Isnart (Istituto nazionale ricerche turistiche) tra luglio e settembre 2022 su un campione di 45 tour operator che trattano l’enogastronomia per la destinazione Italia. L’assessore al turismo della Regione Piemonte, Vittoria Poggio, spiega le ragioni del successo: “Siamo stati premiati da scelte coerenti con la visione che abbiamo del nostro Piemonte, grazie ai territori che collaborano tra loro e si muovono ormai come un corpo unico. Abbiamo incoraggiato il turismo outdoor e food in tempi non sospetti”. E ancora: “Grazie a Enit abbiamo lanciato un bando da 3 milioni proprio su questo comparto intercettando l’orientamento del mercato e degli operatori, e così siamo riusciti a raggiungere un obiettivo che ci colloca tra i territori più ambiti nel campo food&wine. Adesso l’importante è mantenere il primato e anzi provare a dare inizio ad una mini-fuga in classifica per mettere distanza tra noi e i nostri competitor, per conquistare altre fasce di mercato”. In Piemonte, lo racconta bene il rapporto Ismea-Qualivita del 2022, esistono 82 prodotti protetti dai marchi DOP e IGP. Il comparto vinicolo è rappresentato da 59 filiere. Il comparto cibo ne conta 23. In Piemonte, nell’alta Ossola, nasce anche un formaggio straordinario: il Bettelmatt. Per Edoardo Raspelli, il cronista della gastronomia nonché scopritore di questa leccornìa, si tratta della “Rolls Royce dei formaggi italiani”. Il Bettelmatt è un formaggio a latte vaccino intero, crudo, a pasta semidura, pressata, a media stagionatura. Ogni forma pesa dai 4 ai 6 chili. Ha origini antichissime, ed è legato alla storia della popolazione dei Walser. Provatelo, Raspelli ne va matto.

tiziano.rp@gmail.com