La crisi economica in Europa è legata anche alla siccità

Share

Non solo guerra in Ucraina, rinuncia al gas russo, inflazione galoppante e politica aggressiva della Bce: la crisi economica in Europa ha anche un’altra matrice, la siccità. L’aridità straordinaria e il caldo torrido da record stanno prosciugando i fiumi del vecchio continente. A causa del clima ci sono molte ripercussioni commerciali e economiche.

Nel bel mezzo di un’estate arida che ha stabilito record di caldo in tutta Europa, i fiumi del continente Europeo stanno evaporando. Lo ricorda un’analisi di Bloomberg, mettendo in correlazione i cambiamenti climatici con l’economia.

Il Reno, per secoli un pilastro delle economie tedesca, olandese e svizzera, è destinato a diventare praticamente impraticabile ostacolando così i carichi di diesel e carbone. è il fiume più importante d’Europa, svolge un ruolo chiave nell’aiutare a trasportare più carbone alle centrali elettriche tedesche e, quindi, a compensare l’impatto della stretta russa sulle forniture di gas. Il corso d’acqua è anche il fulcro della rete europea delle vie navigabili interne. Il fiume, che è collegato al Danubio tramite un canale, scorre per circa 800 miglia attraverso le zone industriali svizzere e tedesche prima di sfociare nel Mare del Nord nel trafficato porto di Rotterdam nei Paesi Bassi. È quasi insostituibile per alcune aziende.

In tutta Europa, i trasporti sono solo uno degli elementi del commercio fluviale che è stato sconvolto dai cambiamenti climatici. La crisi energetica della Francia è peggiorata anche perché il Rodano e la Garonna sono troppo caldi per raffreddare efficacemente i reattori nucleari e il Po italiano è troppo basso per irrigare le risaie.

I fiumi e i canali del continente trasportano più di 1 tonnellata di merci all’anno per ogni residente dell’Ue e contribuiscono con circa 80 miliardi di dollari all’economia della regione proprio come via di trasporto, secondo i calcoli basati sui dati Eurostat.

Secondo Albert Jan Swart (in foto), economista dei trasporti presso ABN Amro Bank NV, si prevede che le cattive condizioni meteorologiche trascineranno le economie della regione molto più in basso di quanto accaduto nel 2018, quando problemi con il Reno si sono tradotti in una perdita di 5 miliardi di euro.

“La capacità per il trasporto interno sarà gravemente limitata fintanto che non ci sarà molta pioggia nell’area”, ha affermato. “Si aggiungono anche i danni causati in Germania dai prezzi elevati dell’elettricità. Parliamo di miliardi”.

L’allarme fiumi è molto esteso. Nella pianura padana, sede di circa il 30% della produzione agricola del paese, il caldo torrido e le condizioni eccezionalmente siccitose hanno danneggiato la produzione di mais e girasole e hanno costretto i coltivatori di riso a tagliare le piantagioni dopo che il Po è sceso al livello più basso degli ultimi 70 anni. Mantenere il Danubio navigabile è fondamentale per l’approvvigionamento energetico poiché le chiatte portano carbone per alimentare i generatori quando la produzione degli impianti idroelettrici sta soffrendo, ha affermato il ministro delle Infrastrutture serbo Tomislav Momirovic.

Considerando l’attuale contesto, l’Europa potrebbe davvero perdere le sfide ecologica e della ripresa economica nei prossimi anni.