Webuild, ottenuti ottimi risultati: nuovi ordini superiori a 5 mld

Share

 Il Consiglio di Amministrazione di Webuild ha esaminato alcuni dati e informazioni relativi all’andamento del business da inizio 2022. 

Pietro Salini, nella foto, Amministratore Delegato di Webuild ha così commentato: “In un panorama internazionale complesso, nei primi mesi del 2022 Webuild ha ottenuto ottimi risultati in termini di nuovi ordini, superiori a €5 miliardi, confermando il ruolo trainante del nostro Gruppo nella realizzazione dei piani di investimento in infrastrutture sostenibili con tutta la filiera, soprattutto per opere molto complesse e di grande dimensioni, come i progetti Inland Rail in Australia o Sotra Connection in Norvegia. La qualità del backlog e i recenti interventi da parte del Governo in Italia per fronteggiare l’incremento dei costi delle materie prime ci consentono di guardare con determinazione e fiducia agli obiettivi previsti per il 2022-2024. Rimane centrale per la nostra strategia di lungo termine continuare a generare importanti flussi di cassa, anche grazie al processo di efficientamento dei costi, garantendo ai clienti la consegna di opere di qualità realizzate con i più alti standard in termini di salute e sicurezza sul lavoro”.

I risultati dell’attività commerciale confermano il ruolo del Gruppo Webuild quale principale player nel settore delle infrastrutture, sempre più consolidato sul mercato domestico e sempre più competitivo su quello internazionale. Nel corso dei primi mesi del 2022, Webuild ha acquisito un volume di nuovi contratti pari a circa €5,3 miliardi, per lo più all’estero. Nel mercato domestico sono attesi circa €24 miliardi di investimenti in grandi opere, di cui €14 miliardi relativi a progetti inclusi nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), per i quali si prevede un’accelerazione delle gare nel secondo semestre dell’anno.

Rimane costante il commitment del Gruppo in tema di sostenibilità con un focus su infrastrutture per la mobilità sostenibile e transizione climatica. Il collocamento, concluso con successo nel primo trimestre, di un nuovo bond “Sustainability-Linked” per €400 milioni, rafforza l’impegno di Webuild volto ad integrare pienamente la sostenibilità nella propria strategia di business e finanziaria. La nuova emissione è legata al raggiungimento dell’obiettivo di riduzione del 50%, entro il 2025, della carbon intensity emissions (Scope 1 & 2), contribuendo così all’avanzamento degli obiettivi di sviluppo sostenibile (“SDG”) fissati dalle Nazioni Unite. Durante il collocamento sono stati raccolti ordini per circa €900 milioni, in esubero per oltre 2,2 volte, con una domanda rilevante da parte di investitori nazionali e internazionali, provenienti soprattutto da Gran Bretagna, Germania e Francia.

Nei primi mesi dell’anno, inoltre si è conclusa l’iniziativa industriale Progetto Italia, come conseguenza dell’avvenuto raggiungimento di tutti gli obiettivi previsti. Webuild ha finanziato l’operazione attraverso un aumento di capitale, interamente sottoscritto e versato a novembre 2019, dalle principali istituzioni finanziarie del Paese, tra le quali CDP Equity. 

****
NUOVI ORDINI 
Il totale dei nuovi ordini acquisiti ed in corso di finalizzazione da inizio anno ammonta a circa €5,3 miliardi ed include €3,1 miliardi di progetti per i quali Webuild è risultata migliore offerente. Tra i principali nuovi ordini di questa prima parte dell’anno si annoverano: 

  • Inland Rail PPP Project: realizzazione della tratta ferroviaria Gowrie-Kagaru, sezione rilevante del progetto da 1.700km, Inland Rail, che collegherà Brisbane, nello stato del Queensland, a Melbourne, nello stato di Victoria, in Australia. Il contratto in PPP (Partenariato Pubblico-Privato) prevede un valore complessivo per la progettazione e la costruzione di oltre 5 miliardi di dollari australiani (€3,27 miliardi), di cui circa €1,3 miliardi in quota Webuild. Il consorzio Regionerate Rail, partecipato da Webuild, è stato nominato quale preferred bidder dall’Australian Rail Track Corporation (ARTC).
  • Sotra Connection PPP Project: progettazione, costruzione e gestione pluriennale di un sistema viario con strade, gallerie e ponti in Norvegia, tra Bergen e l’isola di Sotra. Il contratto in PPP, del valore di 19,8 miliardi di corone norvegesi (€2,0 miliardi), di cui oltre €1 miliardo per le sole attività di progettazione e costruzione, rappresenta il più grande nel settore trasporti nella storia della Norvegia ad oggi. Webuild partecipa al progetto con una quota del 35% del consorzio Sotra Link per l’esecuzione dei lavori di progettazione e costruzione, e con una quota del 10% della società di progetto cui faranno capo anche le attività di Operation & Maintenance.
  • Tyndall Air Force Base: progettazione e realizzazione di infrastrutture stradali, parcheggi, impianti elettrici, e altre opere per la ricostruzione della Tyndall Air Force Base a Panama City in Florida. Commissionato dalla U.S. Army Corps of Engineers (USACE), il nuovo contratto del valore di 357 milioni di dollari (€340 milioni) è assegnato al 100% alla controllata Lane.
  • Diriyah Square – Package 2 Super-Basement Works: realizzazione di un mega parcheggio multipiano da 10.500 posti a Riyad in Arabia Saudita del valore di €840 milioni circa, sviluppato su tre livelli e tutto in sotterraneo, per un’area di intervento complessiva di circa 1 milione di mq. I lavori, commissionati dalla Diriyah Gate Development Authority, porteranno all’impiego di oltre 9 mila persone.