ESPRINET, l’Assemblea approva il bilancio

Share

L’Assemblea degli Azionisti di ESPRINET, gruppo leader in Sud Europa nella consulenza, nella vendita e noleggio di prodotti tecnologici e nella sicurezza informatica, si è riunita in seduta ordinaria e straordinaria sotto la presidenza di Maurizio Rota. L’Assemblea ha approvato il Bilancio d’esercizio al 31 dicembre 2021, deliberando la destinazione dell’utile d’esercizio, pari a euro 18.459.887,92 a riserva straordinaria. L’Assemblea ha deliberato altresì la distribuzione di un dividendo pari ad euro 0,54 al lordo delle ritenute di legge per ognuna delle azioni ordinarie in circolazione, escluse quindi le eventuali azioni proprie nel portafoglio della Società alla data di stacco della cedola, mediante l’utilizzo parziale della riserva straordinaria formata con utili prodotti fino al 31 dicembre 2016. Il dividendo verrà messo in pagamento a partire dal 27 aprile 2022 (con stacco cedola n. 16 il giorno 25 aprile 2022 e record date il giorno 26 aprile 2022). L’Assemblea ha infine preso visione del Bilancio consolidato al 31 dicembre 2021 e del Bilancio di Sostenibilità 2021, giunto alla sua settima edizione e redatto in conformità alle linee guida della Global Reporting Initiative (GRI), che costituisce anche la Dichiarazione consolidata di carattere non finanziario del Gruppo, in ottemperanza alle richieste del D. Lgs. 254/2016 e della Legge spagnola Ley 11/2018. L’Assemblea ha deliberato di approvare, in senso favorevole e con deliberazione non vincolante, la seconda sezione della Relazione sulla remunerazione redatta ai sensi dell’articolo 123-ter, comma 6, del D. Lgs. n. 58/1998. L’Assemblea ha autorizzato la Società all’acquisto e disposizione di azioni proprie ai sensi degli art. 2357 e seguenti c.c., art. 132 del D. Lgs. 58/1998, art. 144-bis del Regolamento Emittenti e di ogni altra norma applicabile, ivi inclusi il Regolamento (UE) n. 596/2014 e il Regolamento Delegato (UE) 2016/1052, nonché dalle prassi di mercato pro-tempore vigenti ammesse da Consob, (in modo da beneficiare, ove del caso, della protezione assicurata dal c.d. safe harbor previsto dell’art. 5 del Reg. UE n. 596/2014), previa revoca dell’autorizzazione per l’acquisto e la disposizione di azioni proprie conferita dall’Assemblea del 7 aprile 2021 per la parte non ancora eseguita. Il piano proposto riguarda un massimo di n. 2.520.870 azioni ordinarie di Esprinet S.p.A. prive di indicazione del valore nominale interamente liberate, pari al 5% del capitale sociale senza computare il numero di azioni già in portafoglio alla Società.