Real estate in USA: a gennaio diminuzione stagionale delle vendite a fronte di un’offerta in costante contrazione da sei mesi e prezzi in significativo aumento anno su anno

Share

In USA a gennaio 2021 le vendite di case hanno perso il 31,4% rispetto al totale di dicembre, registrando un calo lievemente superiore alla norma stagionale; anche l’offerta ha registrato una contrazione che si protrae da sei mesi consecutivi. Rispetto a gennaio 2020 le vendite sono diminuite del 5,3%.

In ambito residenziale, la flessione tra dicembre e gennaio è normale e prevedibile. Difatti negli ultimi cinque anni (2017-2021) il calo delle vendite di case da dicembre a gennaio è stato mediamente pari al 28,0%.

In tutte le 51 aree metropolitane analizzate nel Report RE/MAX il prezzo di vendita medio è rimasto stabile eguagliando i 335.000 dollari di dicembre, dato record inferiore di soli 5.000 dollari rispetto al massimo storico di 340.000 dollari registrato dal Report RE/MAX nell’ottobre 2021. Gli aumenti dei prezzi anno su anno si confermano molto elevati: il prezzo di gennaio 2021, infatti, segna un aumento del 15,9% rispetto a un anno fa.

E se i prezzi aumentano, l’offerta rimane ai minimi storici. Novembre, dicembre e gennaio si sono rincorsi per segnare ogni volta un nuovo minimo storico (in termini unitari) dell’offerta negli ultimi cinque anni. A gennaio di quest’anno, l’andamento di vendita media mensile ha uguagliato il minimo storico di 1,2 mesi raggiunto nel maggio 2021. Un anno fa l’andamento di vendita media mensile era pari a 1,9.

“I venditori continuano a godere di condizioni favorevoli, anche se, a seguito del rallentamento dell’attività registrato a gennaio, in anticipo sull’alta stagione di vendita primaverile, si rileva anche una decelerazione della corsa dei prezzi”, ha dichiarato Nick Bailey, nella foto, President e CEO, RE/MAX, LLC. “I tassi dei mutui stanno pian piano cominciando a salire, cosa che potrebbe di fatto accelerare le vendite, tanto che acquirenti e venditori stanno correndo ai ripari nel tentativo di anticipare ulteriori rialzi. La stabilizzazione dei prezzi negli ultimi mesi sta contrastando le maggiori difficoltà di accesso al credito.
Da ciò prevediamo una primavera vivace in termini di vendite, alimentata dalla continua domanda”.

A gennaio, le case hanno avuto una permanenza media di 34 giorni sul mercato – due in più rispetto a dicembre, ma sette in meno se comparato a un anno fa.

TRANSAZIONI CONCLUSE
Nelle 51 aree metropolitane coinvolte nell’indagine condotta da RE/MAX a gennaio 2022, il numero medio degli immobili venduti è diminuito del 31,4% rispetto a dicembre 2021 e del 5,3% rispetto a gennaio 2021. I mercati con la più grande flessione percentuale nelle vendite anno su anno sono stati: San Francisco, CA con 24,2%, Manchester, NH con -18,0% e Seattle, WA con -17,5%. Le aree che hanno visto l’incremento maggiore sono state: Honolulu, HI con +25,7%, Boise, ID con +10,4 e Tulsa, OK con +5,8%.

PREZZO MEDIANO DI VENDITA
A gennaio 2022, il prezzo mediano di vendita degli immobili nelle 51 aree metropolitane analizzate è stato di $335.000, immutato rispetto a dicembre 2021 e in aumento del 15,9% rispetto a gennaio 2021. Nessuna città ha registrato una diminuzione nel prezzo mediano di vendita rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. Delle 51 città, 35 hanno visto un aumento anno su anno a doppia cifra percentuale, le più alte a: Phoenix, AZ con +28,5%, Raleigh-Durham, NC con +28,4% e Salt Lake City, UT con +26,7%.

GIORNI SUL MERCATO – MEDIA DELLE 51 CITTÀ ANALIZZATE
A gennaio 2022 la media dei giorni sul mercato degli immobili venduti è stata di 34 – due giorni in più rispetto alla media del dicembre 2021 e sette giorni in meno rispetto a gennaio 2021. I mercati con la media di giorni più bassa sono stati: Nashville, TN con 16, Cincinnati, OH con 18 e, a pari merito con 20, Omaha, NE e Manchester, NH. I mercati che hanno registrato la media più alta sono stati Des Moines, IA con 94, Miami, FL con 77 e Albuquerque, NM con 75 giorni sul mercato. I “giorni sul mercato” indicano il numero medio di giorni che intercorrono dalla presa dell’incarico alla firma del contratto.

ANDAMENTO DI VENDITA MEDIA MENSILE
Il numero degli immobili in vendita a gennaio 2022 è diminuito dell’11,9% rispetto a dicembre 2021 e del 32,1% rispetto a gennaio 2021. Basato sugli immobili venduti a gennaio 2022, l’andamento di vendita media mensile è sceso a 1,2 mesi dai 1,4 di dicembre 2021 ed è diminuito rispetto ai 1,9 di gennaio 2021. Una media di vendita a 6,0 mesi rappresenta un mercato in equilibrio tra acquirenti e venditori. A gennaio 2022, delle 51 aree analizzate, nessuna città ha registrato una media maggiore di 6 mesi, tipicamente considerata indicativa di un mercato del compratore. I mercati con la più bassa offerta sono stati Denver, CO con 0,4 e tre a pari merito: Charlotte, NC, Seattle, WA, e Raleigh-Durham, NC con 0,5.