Che Banca!, aumentano i ricavi

Share

Spende il sole su Che Banca! CheBanca!, l’istituto retail del gruppo Mediobanca (nella foto il Direttore Comunicazione e Affari Istituzionali del Gruppo, Lorenza Pigozzi). I ricavi aumentano del 12,8% (+€22,1m; da €173,3m a €195,4m) grazie al contributo positivo del margine di interesse che cresce del 6,8% (+€7,6m; da €111,9m a €119,5m) ma soprattutto alle commissioni che continuano a crescere significativamente del 24,0% (+€14,5m; da €60,5m a €75,0m) con particolare riguardo alla componente gestita/assicurata che passa da €43,5m a €57,3m. La marginalità è via via in miglioramento anche a fronte della riallocazione delle masse a favore di OICR, gestioni patrimoniali e polizze multiramo. L’utile netto sale del 37,4% a €31,2m (da €22,7m) e riflette le dinamiche sopra descritte. L’utile lordo si attesta a €46,7m registrando una crescita del 35,4% rispetto ai €34,5m dello stesso periodo dell’esercizio precedente. Rispetto al primo trimestre dell’esercizio corrente, il conto economico mostra la seguente evoluzione. I ricavi aumentano del 4,8% (+€4,6m; da €95,4m a €100,0m). Al loro interno si riduce il margine di interesse del -2,5% (-€1,5m; da €60,5m a €59,0m), mentre le commissioni registrano un aumento del +17,4% (+€6,0m; da €34,5m a €40,5m), principalmente legato alle maggiori masse di raccolta indiretta. Rimane significativo l’apporto della componente gestita in crescita a €30,2m. Il totale delle masse (Total Financial Assets, “TFA”) ha raggiunto i €34,2mld, in crescita del 14,5% a/a e del 2,4% rispetto a settembre 2021, con un aumento delle componenti di AUM/AUA del 23,7% a/a a €17,2mld (+5,8% rispetto a settembre 2021). La raccolta netta (Net New Money, “NNM”) salda nel semestre a €1,5 mld con afflussi nel trimestre pari a €0,6mld (€0,8mld 2°trim.20/21 e €0,9mld 1°trim.21/22). E’ concentrata sulla componente AUM/AUA che evidenzia una crescita trimestrale di €0,7mld (€0,5mld 2°trim.20/21 e €0,6mld 1°trim.21/22). La raccolta diretta, che non beneficia della promo sul conto deposito che aveva influenzato il trimestre precedente, è sostanzialmente stabile (-0,1€mld).