Benzina, Assoutenti: prezzo medio vola a 1,733 euro, ma su ogni litro di benzina oltre 1 euro se ne va in tasse

POMPE DI BENZINA, POMPA, PISTOLA, DISTRIBUTORE, DIESEL, SENZA PIOMBO, CARBURANTE, CARBURANTI, RIFORNIMENTO, STAZIONE DI SERVIZIO
Share

Governo deve intervenire contro nuova emergenza carburanti. Subito taglio accise anacronistiche o ci saranno rincari a cascata su famiglie

Prosegue l’ondata di rincari nel settore dei carburanti, con le nuove rilevazioni Mise che fissano a 1,733 euro al litro il prezzo medio della benzina, e il gasolio che raggiunge quota 1,593 euro/litro. Un allarme che stavolta, afferma Assoutenti, riguarda anche il metano, i cui prezzi in molti distributori superano la soglia di 2 euro al kg e raggiungono un record storico. “L’andamento dei listini dei carburanti rappresenta oramai una emergenza, con benzina e gasolio che costano oggi oltre il 20% in più rispetto ad inizio anno – spiega il presidente Furio Truzzi – A tale situazione si aggiunge l’allarme Metano, con i listini ai distributori raddoppiati e prezzi che superano in molte zone d’Italia i 2 euro al kg. Un danno enorme per i consumatori che oltre a pagare di più i rifornimenti alla pompa, subiscono effetti diretti sui prezzi al dettaglio, che aumentano a causa dei maggiori costi di trasporto”. “Di fronte a quella che è a tutti gli effetti una emergenza, chiediamo al Governo di intervenire con urgenza, tagliando la tassazione che vige sui carburanti in modo da contenere la crescita dei listini e limitare gli effetti indiretti del caro-benzina sui prezzi dei prodotti trasportati e sui costi per industria e imprese – prosegue Truzzi – E’ assurdo che oggi su ogni litro di benzina acquistato dai consumatori, 1,04 euro se ne vanno in tasse a causa di accise anacronistiche che non sono state mai abbattute e continuano a pesare sulla collettività”.