Approvata la fusione per incorporazione di Vitrociset in Leonardo e la politica di engagement

Share

Il Consiglio di Amministrazione di Leonardo, nella foto, l’a. d. Alessandro Profumo, ha approvato – in luogo dell’Assemblea ai sensi dell’art. 2505, comma 2 del Codice Civile e dell’art. 24 dello Statuto sociale – la fusione per incorporazione nella Società di Vitrociset S.p.A.

L’operazione (già resa nota al mercato con precedente comunicato del 29 luglio 2021) è stata inoltre approvata in data odierna dall’Assemblea straordinaria di Vitrociset. Decorsi i termini di legge si procederà quindi alla stipula del relativo atto di fusione, che avrà effetto – anche ai fini contabili e fiscali – con decorrenza dal 1° gennaio 2022.

Si rammenta che la società incorporanda è direttamente e interamente controllata da Leonardo e che la fusione, che si inquadra nel complessivo progetto di razionalizzazione strategico/societaria di alcuni asset di Leonardo, in funzione di una più efficiente ed efficace operatività delle sue attività industriali, rappresenta il completamento del processo di integrazione/interazione tra le due società avviato nel 2019 con l’acquisizione dell’intero capitale di Vitrociset. 

Il verbale della deliberazione assunta dal Consiglio di Amministrazione di Leonardo verrà messo a disposizione del pubblico nei termini e con le modalità di legge. Si rinvia inoltre al Progetto di fusione e all’ulteriore documentazione già resa disponibile sul sito internet della Società.

Il Consiglio di Amministrazione di Leonardo ha inoltre approvato la “Politica per la gestione del dialogo con la generalità degli azionisti e altri portatori di interesse” finalizzata a promuovere e disciplinare le occasioni di incontro e di dibattito tra la Società e gli stakeholder finanziari e a favorire, nel rispetto della disciplina comunitaria e nazionale in tema di abusi di mercato, una comunicazione continuativa, proattiva, trasparente e tempestiva, in linea con le raccomandazioni del Codice di Corporate Governance.