Festival CinemAmbiente: Terna protagonista con premio al miglior cortometraggio e mostra fotografica

Share

Nell’ambito della 24a edizione del festival CinemAmbiente, la manifestazione dedicata ai migliori film ambientali e alla promozione del cinema a tematica Green che si svolgerà a Torino dal 1° al 6 ottobre, Terna (nella foto, l’a. d. Stefano Donnarumma), la società che gestisce la rete elettrica nazionale, consegnerà il Premio Terna al Miglior Cortometraggio. Il riconoscimento, istituito per la prima volta quest’anno dall’azienda guidata da Stefano Donnarumma, sarà assegnato da una giuria di esperti nominati dal festival e consegnato al regista del film il 6 ottobre.

Terna sarà protagonista dell’evento anche con la mostra fotografica dal titolo Il Quinto Elemento. Gli spazi della Mole Antonelliana ospiteranno, infatti, un reportage fotografico allestito e organizzato da Terna e curato da TerraProject, sull’essenza dei quattro elementi naturali acqua, aria, terra e fuoco, connessi con il quinto elemento, quello umano, e con le rispettive forme di energia. Le persone di Terna, circa 5 mila professionisti che ogni giorno lavorano per garantire la sicurezza elettrica dell’intero Paese, sono protagoniste dei ritratti e rappresentate come quinto elemento che sa governare e trasmettere l’energia a beneficio di tutti, cittadini e imprese.

In considerazione della rilevante valenza culturale dell’iniziativa e dell’attenzione alle tematiche ambientali, Terna, regista e abilitatore della transizione energetica, è da quest’anno partner del Festival CinemAmbiente, con l’obiettivo di rafforzare il proprio impegno al supporto della sostenibilità, leva strategica per la creazione di valore per tutti i suoi stakeholder. Nel Piano Industriale 2021-2025 ‘Driving Energy’, Terna ha pianificato complessivamente 8,9 miliardi di euro di investimenti per lo sviluppo e l’ammodernamento della rete elettrica in Italia: un impegno economico che, in base ai criteri della Tassonomia Europea, è al 95% sostenibile e punta a confermare e rafforzare il ruolo centrale di Terna per consentire all’Italia di raggiungere gli obiettivi del Green Deal europeo e del Piano Nazionale Integrato Energia e Clima, per arrivare a zero emissioni entro il 2050.