Intesa Sanpaolo, torna Imprese Vincenti

Share

 Parte il digital tour di “Imprese Vincenti 2021”,il programma di Intesa Sanpaolo (nella foto, l’a. d. Carlo Messina) per la valorizzazione delle piccole e medie imprese italiane, che mai come quest’anno punta alla centralità del sistema delle imprese come motore della ripartenza del Paese dopo i lunghi e difficili mesi della pandemia.

Delle circa 3500 aziende che si sono autocandidate tra marzo e aprile sul sito di Intesa Sanpaolo, ne sono state selezionate 112 attive in vari settori e definite ‘vincenti’ perché capaci di crescere, di mantenere posti di lavoro nonostante la crisi, di attuare trasformazioni digitali, organizzative e di business, di attivare soluzioni ad elevata sostenibilità sul piano economico-sociale e ambientale reagendo sia alla crisi economica che all’emergenza Covid19. La valutazione è stata effettuata inoltre in relazione al loro impatto sociale, a variabili  qualitative, a progetti di sostenibilità e di circular economy, a strategie di sviluppo su parametri ESG, a digitalizzazione e formazione del capitale umano.

Le 112 Imprese Vincenti 2021 sono PMI che stanno alimentando la fiducia e il rilancio dell’economia dei territori e dell’intero Paese e che Intesa Sanpaolo e i Partner di progetto intendono valorizzare per dare ancora maggior forza ai segnali positivi presenti nel panorama imprenditoriale italiano in una fase così unica e importante come quella del rilancio post pandemia.

Il digital tour che prende avvio oggi presenterà ciascuna delle Imprese Vincenti in un programma di 8 tappe tematiche, che evidenziano le strategie vincenti su cui puntano le PMI e confermano come molte di loro abbiano già colto l’importanza di investire su quelli che oggi sono i capisaldi universalmente condivisi dal PNRR. Le tappe si concentreranno infatti su Innovazione-R&S, Internazionalizzazione, Digitalizzazione, ESG e Sostenibilità, ma anche attenzione alle Filiere del territorio e al Capitale Umano. Due delle tappe di Imprese Vincenti 2021 saranno dedicate al settore agro-alimentare e alle imprese non profit, con focus sull’agricoltura sostenibile e su inclusione e coesione sociale.

A ciascun evento parteciperanno i Partner di progetto – Bain&Company, ELITE, Gambero Rosso, Cerved e Microsoft Italia, a cui quest’anno si sono aggiunti Nativa, Circularity e Coldiretti – apportando contenuti e riflessioni sul tema della tappa e contribuendo nell’evidenziare caratteristiche ed opportunità per le PMI selezionateIl digital tour si concluderà con un evento finale, previsto a fine novembre, realizzato in partnership con The European House-Ambrosetti.

Imprese Vincenti nasce dalla convinzione che le PMI abbiano un ruolo centrale per il benessere, la tenuta sociale e lo sviluppo sostenibile del territorio. Alle 264 aziende ‘vincenti’ accompagnate in percorsi di crescita e di sviluppo tra il 2019 e il 2020, si aggiungono quest’anno ulteriori 112 PMI: numeri che testimoniano l’apprezzamento del mondo imprenditoriale al programma di valorizzazione ‘Imprese Vincenti’, oltre all’intuizione e all’impegno nel tempo di Intesa Sanpaolo e dei Partner di progetto nel saper cogliere e valorizzare le energie positive di quel tessuto imprenditoriale sano che da sempre muove l’economia del Paese, i territori e il made in Italy. Un impegno che si consolida oggi alla luce della volontà di Intesa Sanpaolo nell’essere un punto di riferimento per la crescita sostenibile e inclusiva, mettendo a disposizione di famiglie ed imprese– nell’arco temporale del PNRR – 400 miliardi di euro di prestiti a medio e lungo termine come leva di rilancio dell’economia reale.

Il tema dell’innovazione è uno dei pilastri di Motore Italia, il nuovo programma strategico di finanziamenti e iniziative di Intesa Sanpaolo lanciato a marzo del 2021. L’obiettivo è quello di incentivare le PMI attraverso finanziamenti dedicati e facendo leva sull’incentivo fiscale previsto dalla legge di bilancio, nella forma di credito di imposta previsto da Transizione 4.0. Oltre a ciò, un ecosistema di supporti per le PMI, che passa attraverso la pre-valutazione della propria maturità innovativa e un supporto per agevolare l’utilizzo della facilitazione fiscale oltre alle certificazioni conseguenti. In questo ambito, il Gruppo vanta una esperienza pluriennale e una presenza di eccellenze al proprio interno, come Innovation Center, che ha consentito fino ad oggi di posizionarsi a livelli di leadership nel settore. Dall’avvio del progetto, sono circa 2.000 i progetti di innovazione valutati per oltre 2,5 miliardi di euro di impieghi erogati. Sul fronte di Industria 4.0, sono pervenute al Gruppo oltre 10.000 domande, per 3 miliardi di euro di erogazioni. Come Start up innovative, Intesa Sanpaolo conta circa 3.500 imprese clienti, con una quota di mercato di oltre il 26%.

Stefano Barrese, Responsabile Divisione Banca dei Territori Intesa Sanpaolo: «La nuova edizione di Imprese Vincenti è quanto mai attuale, sia perché conferma il ruolo delle PMI come motore dell’economia italiana anche in questi difficili mesi segnati dall’emergenza Covid19, ma soprattutto perché contribuisce a far emergere strategie vincenti proprio in quelle tematiche che oggi, grazie al PNRR, sono il faro di qualsiasi politica economica. Come nelle due precedenti edizioni, Imprese Vincenti 2021 punta a cogliere e sviluppare i segnali di reazione presenti nel panorama imprenditoriale italiano, l’economia italiana e la fiducia delle PMI sono in netto recupero e questo progetto contribuisce ad offrire alle aziende più virtuose strumenti di crescita e visibilità. Intesa Sanpaolo mette a disposizione, nell’arco temporale del PNRR e in coerenza con il nostro piano Motore Italia, 400 miliardi di euro di erogazioni a medio-lungo termine per investimenti di imprese e sostegno a famiglie. Per realizzare gli obiettivi del PNRR le banche hanno il ruolo centrale di volano per la messa a terra della liquidità per gli investimenti delle aziende. Non c’è settore dell’industria e della manifattura che non sia coinvolto nel processo di transizione digitale ed energetica e alla sostenibilità, e chi investe in queste direzioni avrà gli strumenti per affermarsi sui mercati. Intesa Sanpaolo e i Partner di Progetto di Imprese Vincenti – conclude Barrese – puntano proprio a sostenere questi processi di consolidamento e di crescita perché le PMI italiane davvero costituiscono la ricchezza di questo Paese in termini non solo produttivi ma anche di conoscenze, di competenze, di creatività, di attaccamento ai valori del territorio ».

La tappa dedicata all’Innovazione ha visto la presenza dei partner di progetto Cerved – chein qualità di partner tecnico già dalla scorsa edizione, collabora nella selezione delle Imprese Vincenti con dati e score – e Microsoft Italia, partner dal 2020, che accompagnerà le PMI con formazione e servizi di supportotecnologico per accelerare i percorsi di trasformazione digitale con un focus anche sulla sostenibilità.