ESI: nuova commessa da 1,3 milioni di euro per sottostazioni di alta tensione

Share

ESI ha firmato un contratto in consorzio per la costruzione in Italia di due sottostazioni di alta tensione per la connessione di impianti “battery storage” del valore complessivo di 4 milioni di euro, di cui 1,3 milioni di euro di competenza di ESI. La società in questione è quotata su AIM Italia e attiva nel mercato delle energie rinnovabili che opera come EPC (Engineering, Procurement and Construction) e System Integrator. La commessa è stata siglata in ATI (Associazione Temporanea di Imprese) con mandataria STE ENERGY S.r.l., società italiana attiva a livello internazionale nella progettazione e fornitura di sottostazioni di alta tensione.

“Siamo molto lieti di aver sottoscritto questo nuovo contratto con un primario operatore internazionale – ha detto Stefano Plocco (nella foto), fondatore e CEO di ESI – La partnership con STE ENERGY conferma la differenziazione delle nostre linee di business che comprendono la realizzazione di infrastrutture atte alla connessione di impianti ad energie rinnovabili e storage anche in alta tensione. Siamo fiduciosi che insieme con STE ENERGY riusciremo a raggiungere interessanti risultati di sviluppo e di crescita”.

Il tempo previsto per progettare e costruire l’impianto è di 12 mesi e l’importo della commessa di pertinenza di ESI sarà per il 20% (pari a circa Euro 0,3 milioni) di competenza dell’esercizio 2021 e per l’80% (pari a circa Euro 1 milione) per il 2022.

A seguito dell’annuncio del contratto, ESI ha subito un forte rialzo. Il titolo mostra un guadagno del 3,45%, con prezzi allineati a 4,2. Le implicazioni tecniche assunte avvalorano l’ipotesi di una prosecuzione della giornata in senso positivo con resistenza vista a quota 4,233 e successiva a 4,303. Supporto a 4,163.