Immsi torna in utile

Share

Nel primo trimestre Immsi ha riportato ricavi in crescita del 19,5% a 393,6 milioni, l’ebitda è stato pari a 53,7 milioni di euro (+34,6%), l’ebit è stato di 20,1 milioni (+123%), l’utile netto è ammontato a 5,1 milioni di euro, a fronte di una perdita pari a 1,8 milioni riportata nello stesso periodo dell’ scorso anno. La posizione finanziaria netta consolidata del gruppo a fine periodo era pari a -843,1 milioni, in miglioramento di 88,2 milioni rispetto alla stessa data del 2020. Gli investimenti effettuati nel trimestre sono stati pari a 36 milioni di euro, in aumento del 22,4%. Immsi in una nota sottolinea che, nonostante la formulazione di previsioni rimanga ancora complessa a causa delle incertezze che permangono sulla evoluzione della pandemia nei prossimi mesi del 2021, continuerà a lavorare per rispettare impegni e obiettivi, mantenendo in essere tutte le misure necessarie a rispondere in modo flessibile ed immediato alle situazioni inattese e difficili che dovessero ancora manifestarsi, grazie ad una attenta ed efficiente gestione della propria struttura economica e finanziaria. Nello specifico, in merito al settore industriale, il gruppo Piaggio proseguirà il suo cammino con il lancio nel 2021 di 10 nuovi modelli a due ruote e del nuovo veicolo commerciale leggero, l’ampliamento del dipartimento di E-Mobility a Pontedera, l’avvio di un nuovo stabilimento in Indonesia e del completo rifacimento del sito produttivo e dell’area museale di Moto Guzzi. Per quanto riguarda il settore navale, pur in un quadro ancora incerto, nei prossimi mesi si svilupperanno gli avanzamenti di produzione relativi alle commesse acquisite e continueranno le attività commerciali in tutti i business in cui opera la società. Infine, la società Intermarine sta portando avanti diverse trattative, in particolar modo nel settore Difesa, volte ad acquisire ulteriori commesse che permetterebbero di incrementare il portafoglio ordini acquisiti e di conseguenza garantire alla società condizioni che permettano di ottimizzare la capacità produttiva per i prossimi anni. La società perseguirà inoltre ogni opportunità per il contenimento dei costi diretti e di quelli indiretti.