Saliscendi / LaVerità

Share

di Cesare Lanza per LaVerità

José Mourinho

È l’allenatore di calcio più famoso e, ingaggiato dalla Roma, torna in Serie A. I romanisti esultano sperando che sia la volta buona. Gli altri ironizzano: Mou è reduce da quattro licenziamenti. Due osservazioni… La prima: che figuraccia i cronisti sportivi, che assicuravano l’arrivo di Maurizio Sarrì. La seconda: bollito o no, il portoghese farà molto parlare di sé.

Bill Gates

Dopo 27 anni di matrimonio e 34 come coppia, il fondatore di Microsoft e la moglie Melinda hanno deciso di divorziare, parlando di un rapporto «irrimediabilmente rovinato». Un divorzio da decine di miliardi di dollari, ma con toni pacati e diplomatici: accordi economici raggiunti, ma non si sa cosa abbia provocato la crisi della loro lunga storia d’amore.

Giuseppe Condorelli

Sei passo (Catania). Una bottiglia piena di alcol e un biglietto con una minaccia grave, anche se sgrammaticata: «Mettiti a posto o ti facciamo saltare in aria». È l’intimidazione mafiosa recapitata nel 2019 al «re dei torroncini». Che però ha rifiutato di pagare il pizzo e ha denunciato. Dopo due anni e 40 arresti ora Condorelli è considerato un eroe.

Il razzo cinese Long March 5B

Gli scienziati, tanto per cambiare, hanno opinioni diverse. Alcuni sono tranquilli, altri invece ci terrorizzano davanti alla notizia del rientro incontrollabile di un razzo cinese nell’atmosfera terrestre. Long March 5b, a quanto dicono, potrebbe causare una pioggia di detriti. È stato lanciato giorni fa da Pechino ed è impossibile calcolarne l’ammaraggio in un punto predeterminato.

Flavio Insinna

Il conduttore di Rai 1 è diventato popolarissimo, in particolare, tra il pubblico che ama gli animali. Nel suo programma L’Eredità legge una domanda degli autori: «Qual è l’uso aggettivale di un sostantivo? Rigare dritto o Marco è il più asino?». E sbotta: «Non mi piace usare gli animali come esempi negativi, come chi dice “solo come un cane”. Gli asinelli sono intelligenti!».

Dibattito sul coprifuoco

La politica sguazza nella melma dell’estenuante dibattito: coprifuoco un’ora prima o dopo? Impossibile vigliare e la gente a volte se ne infischia e si ribella. Ultimo caso clamoroso a Bologna, dopo il (prevedibile) assembramento a Milano per i festeggiamenti scudetto dell’Inter. Meglio abolire i divieti privi di buon senso.