Il genere condiziona il lavoro

Share

Maschio o femmina? A 5 anni le aspirazioni lavorative sono già condizionate dagli stereotipi di genere che influenzano molto di più del background economico familiare. Secondo lo Studio internazionale sull’apprendimento precoce e il benessere del bambino (Iels) pubblicato dall’Ocse, il genere influenza in via determinante su cosa i bambini vogliono fare da grandi. Lo studio, che ha chiesto a più di 4 mila bambini cosa volevano fare o essere da grandi, indica che le aspirazioni possono essere limitate da aspettative e stereotipi tradizionali, il che significa che i bambini limitano i loro orizzonti e le loro ambizioni.

La comprensione dei bambini su quali lavori sono possibili è influenzata da ciò che vedono fare dagli adulti nella vita, che a sua volta influenza le scelte e la motivazione a scuola, spiega l’Ocse. Mentre alcune barriere nella percezione delle possibilità si stanno abbattendo, le norme di genere sono evidenti nella visione del futuro dei bambini.

Ma le scelte dei maschi sono più vicine agli stereotipi rispetto alle scelte delle femmine. Alcune preferenze si sovrappongono, ma un numero molto più grande di maschi vede il proprio futuro in ruoli stereotipati. La metà dei 30 ruoli più dichiarati dai maschi fa parte di occupazioni tradizionalmente dominate dagli uomini. Al contrario, solo uno su quattro dei 30 ruoli più popolari selezionati dalle femmine riguarda campi tradizionalmente dominati dalle donne. Le ragazze sono più interessate ai lavori che sono dominati dagli uomini, come il poliziotto e il vigile del fuoco, mentre i ragazzi sono meno interessati ai lavori tradizionalmente legati alle donne.

Circa la metà delle risposte di maschi e femmine è uguale. E per la stessa proporzione scelgono ruoli legati alle materie scientifiche (Stem), come essere uno scienziato o un ingegnere. I ruoli preferiti dalle ragazze hanno maggiori probabilità di coinvolgere un elemento di protezione, aiuto o cura degli altri rispetto a quelli preferiti dai ragazzi. Ruoli come veterinario, medico e infermiere sono più popolari tra le ragazze, mentre i ragazzi preferiscono ruoli di trasporto e costruzione.

Il genere influisce di più sulle aspirazioni future dei bambini rispetto al background socio-economico della famiglia, compresi i livelli di istruzione o le occupazioni dei genitori. Le aspirazioni dei bambini provenienti da ambienti avvantaggiati e svantaggiati non mostrano, infatti, differenze rilevanti.

Le differenze basate sullo status socio-economico influiscono, tuttavia, più i ragazzi che le ragazze. Per esempio, i ragazzi provenienti da ambienti avvantaggiati sono più interessati a fare il pilota o il medico rispetto agli altri ragazzi, mentre i ragazzi provenienti da ambienti svantaggiati sono più propensi a scegliere di essere nelle forze armate o a guidare camion rispetto agli altri ragazzi.

I ruoli preferiti dalle femmine tendono a richiedere qualifiche più elevate e sono attualmente meglio pagati dei ruoli preferiti dai ragazzi. I maschi provenienti da famiglie di immigrati tendono ad aspirare a ruoli più qualificati e meglio pagati rispetto agli altri maschi. Le aspirazioni delle femmine con e senza una famiglia immigrata non differiscono significativamente.

Matteo Rizzi, ItaliaOggi Sette