Carne, aumentati i consumi di agnello

Share

Nel 2020 i consumi di agnello in Italia sono aumentati dell’8%, del 2% nel mondo, e ora l’export, concentrato verso la Spagna, vale 10 milioni di euro. Il trend, che ha sorpreso gli stessi operatori della filiera considerata l’emergenza Covid, ha trascinato anche le vendite degli agnelli certificati come Igp Sardegna, secondo il report annuale di Contas, il Consorzio di tutela.
Il prezzo è, però, diminuito in media del 15%, con un cao più accentuato, pari al 25% durante il periodo pasquale 2020, caratterizzato dal primo lockdown: le contrattazioni – rileva Contas – hanno sofferto l’imprevedibilità dei consumi dovute al primo dpcm che limitava gli spostamenti degli italiani.
 L’anno scorso sono state immesse sul mercato 4.300 tonnellate di carne d’agnello di Sardegna Igp, con un fatturato di oltre 40 milioni di euro: la produzione annuale italiana di carni fresche certificate Dop/Igp è pari a 14 mila, tonnellate con un fatturato di 92 milioni di euro alla produzione e 196 milioni al consumo. “Dati che ci fanno ben sperare”, commenta Battista Cualbu, presidente del Contas, “perché significa che sta aumentando l’attenzione e la sensibilità a favore della origine di ciò che mangiamo, con attenzione alla salute e all’economia dei territori”.
L’anno scorso è aumentato del 10,5% dei capi Igp macellati, per un totale di 754 mila agnelli, che rappresentano il 75% dell’intera produzione regionale e il 60% di quella nazionale. La quota è aumentata – segnala il direttore del Contas, Alessandro Mazzette, “grazie alla eccellente qualità degli agnelli che hanno segnato una media di +120 grammi a capo rispetto al 2019, ma anche alle 250 nuove iscrizioni al consorzio registrate nel 2020”.
“Su nostra iniziativa”, ricorda Cualbu, “il governo ha concesso per due anni alla filiera ovina un contributo straordinario di 9 euro/capo per gli Igp nati, allevati e macellati in Italia nei mesi di marzo e aprile nelle annualità 2019 e 2020 per coprire parte delle perdite subite a causa del Covid. Oltre a questo contributo, i 4.730 allevamenti iscritti alla Igp percepiscono ogni anno come sempre, il premio accoppiato concesso dalla Ue alle produzioni certificate per un totale di circa 4,3 milioni di euro”.
Mazzette invita gli allevatori a “consultare e verificare la correttezza dei dati riguardo le macellazioni, nel sito web del Consorzio (www.agnellodisardegnaigp.eu) con l’elenco degli agnelli certificati Igp idonei per percepire il premio accoppiato: si tratta di 746.455 agnelli elencati per singola azienda”.